Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 00:24

Villa e centro benessere sequestrati a narcotrafficante

BARI - Si tratta di Antonio Tarantini, condannato recentemente dalla Corte d’Appello di Bari per traffico di sostanze stupefacenti e ritenuto, nell’indagine denominata "Satellite", il braccio destro di Cosimo Zonno, detto "Fusc Fusc", presunto capo clan di Toritto. Beni per un valore di 1 milione: lussuosa villa con piscina e un annesso terreno, quote societarie di un centro benessere, con sede a Toritto e gestito dai familiari
Villa e centro benessere sequestrati a narcotrafficante
BARI - I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito, in base al Codice Antimafia, un decreto di sequestro anticipato di beni mobili e immobili, disposto dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica, a carico di un 45enne, già sorvegliato speciale di pubblica sicurezza e noto alle Forze dell’Ordine.

Si tratta di Antonio Tarantini, condannato recentemente dalla Corte d’Appello di Bari per traffico di sostanze stupefacenti e ritenuto, nell’indagine denominata "Satellite", il braccio destro di Cosimo Zonno, detto "Fusc Fusc", presunto narcotrafficante e capo clan di Toritto. I beni erano stati intestati in modo fittizio ai familiari dell’uomo.

Si tratta di una lussuosa villa con piscina e un annesso terreno, quote societarie di un centro benessere, con sede a Toritto e gestito dai familiari, il tutto per un valore di circa un milione di euro. Le indagini svolte dai carabinieri hanno dimostrato che Tarantini, sebbene disoccupato, manteneva un tenore di vita superiore alle sue reali possibilità economiche, presupposti che hanno consentito all’Autorità Giudiziaria di disporre il provvedimento di sequestro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione