Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 16:39

Picchiarono un ragazzo dopo un incidente a Bari in due a processo

BARI – Saranno processati con rito abbreviato il 31enne Paolo Milano, sorvegliato speciale, e il 35enne Alberto Lanave, accusati di aver picchiato un gruppo di quattro ventenni baresi dopo un incidente stradale. I due, per i quali il pm della Procura di Bari Bruna Manganelli ha chiesto il giudizio immediato nei mesi scorsi, rispondono di lesioni gravissime, tentata estorsione e violenza privata in concorso
Picchiarono un ragazzo dopo un incidente a Bari in due a processo
BARI – Saranno processati con rito abbreviato il 31enne Paolo Milano, sorvegliato speciale, e il 35enne Alberto Lanave, accusati di aver picchiato un gruppo di quattro ventenni baresi dopo un incidente stradale. I due, per i quali il pm della Procura di Bari Bruna Manganelli ha chiesto il giudizio immediato nei mesi scorsi, rispondono di lesioni gravissime, tentata estorsione e violenza privata in concorso.

I fatti si riferiscono al 25 gennaio scorso. Dopo un presunto e fortuito incidente automobilistico tra due autovetture, una Bmw e una Toyota Yaris, i due imputati, che erano a bordo della Toyota, sarebbero scesi dal mezzo pretendendo 300 euro in contanti dai ragazzi che erano nell’altra auto come risarcimento per la rottura di uno specchietto retrovisore esterno. Nella discussione i due avrebbero colpito i quattro e picchiato uno dei ragazzi che rischia anche la perdita di un occhio.

Milano e Lanave, difesi rispettivamente dagli avvocati Guglielmo Starace e Libio Spadaro, sono stati arrestati a marzo da agenti della Squadra mobile della questura al termine delle indagini che hanno consentito la loro identificazione. Nelle scorse settimane Lanave ha ottenuto la revoca della misura cautelare in carcere ed è attualmente detenuto ai domiciliari. Ha inoltre proposto alla vittima un risarcimento pari a 500 euro che tuttavia è stato rifiutato.

Il processo inizierà il prossimo 30 settembre dinanzi al gup del Tribunale di Bari Ambrogio Marrone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione