Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 23:23

Cittadella della Giustizia Corte europea: sì a gara «Ha ragione il Comune» Emiliano: questa sentenza mi ripaga dalle amarezze

BARI – La Cittadella della Giustizia di Bari costituisce un’opera pubblica di tali dimensioni da richiedere “un appalto pubblico di lavori”, cioè una gara, e non una semplice “ricerca di mercato”. Lo hanno stabilito i giudici della seconda sezione della Corte di giustizia europea con la sentenza depositata questa mattina relativa alla decennale controversia tra l’impresa Pizzarotti&Co Spa e il Comune di Bari per la costruzione di una sede unica in cui accorpare tutti gli uffici giudiziari baresi
Cittadella della Giustizia Corte europea: sì a gara «Ha ragione il Comune» Emiliano: questa sentenza mi ripaga dalle amarezze
BARI – La Cittadella della Giustizia di Bari costituisce un’opera pubblica di tali dimensioni da richiedere “un appalto pubblico di lavori”, cioè una gara, e non una semplice “ricerca di mercato”. Lo hanno stabilito i giudici della seconda sezione della Corte di giustizia europea con la sentenza depositata questa mattina relativa alla decennale controversia tra l’impresa Pizzarotti&Co Spa e il Comune di Bari per la costruzione di una sede unica in cui accorpare tutti gli uffici giudiziari baresi. La Corte ha dato quindi ragione al Comune di Bari, ripercorrendo la vicenda iniziata nell’agosto 2003 e non ancora conclusa perchè pendente dinanzi al Consiglio di Stato.

Nella procedura che prevedeva la realizzazione della struttura del valore di 330 milioni di euro (con 43 mln di finanziamento ministeriale) e “atto di impegno a locale” pari a 3,5 milioni di euro per i 18 anni di durata del contratto di locazione, sarebbe stata violata – ritiene la Corte – la normativa europea sugli appalti. Ora il Consiglio di Stato, dicono i giudici, potrebbe ordinare, così come sollecitato dal Comune di Bari, “la chiusura del procedimento dell’indagine di mercato senza accogliere nessuna proposta e aprire un nuovo procedimento, nel rispetto della normativa dell’Unione in materia di appalti pubblici di lavori”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione