Cerca

Lunedì 20 Novembre 2017 | 05:09

Opere di Pomodoro «dialogano» tra castelli

BARI – Dialogheranno con gli spazi medievali dei castelli federiciani pugliesi le opere dello scultore contemporaneo Arnaldo Pomodoro: da oggi fino al prossimo novembre, 24 opere dell’artista alla continua ricerca di "nuovi significati della materia", saranno visibili nel Castello Svevo di Bari, a Castel del Monte ad Andria (Bat), e nel Castello Svevo di Trani (Bat).
Opere di Pomodoro «dialogano» tra castelli
BARI – Dialogheranno con gli spazi medievali dei castelli federiciani pugliesi le opere dello scultore contemporaneo Arnaldo Pomodoro: da oggi fino al prossimo novembre, 24 opere dell’artista alla continua ricerca di "nuovi significati della materia", saranno visibili nel Castello Svevo di Bari, a Castel del Monte ad Andria (Bat), e nel Castello Svevo di Trani (Bat). La mostra è stata presentata questa mattina nel capoluogo pugliese e la partecipazione del maestro 89enne, inizialmente annunciata, è saltata per "motivi di salute".

Pomodoro, però, ha inviato una lettera in cui, oltre a "esprimere grande dispiacere per non essere presente", ricorda che "la massima aspirazione per uno scultore è ambientare le proprie opere in un confronto con il tessuto urbano e il paesaggio".
A Trani, in particolare, un "gigantesco obelisco dedicato a Cleopatra" sarà in piazza tra il Castello, "che ospiterà le porte di Pomodoro", e il campanile della chiesa. A Bari, invece, sono in mostra gli scettri e gli scudi dello scultore che a Castel del Monte ha portato una "antologia delle sue più grandi opere" che, a testimoniare il suo "forte legame con la materia", Pomodoro ha concesso siano toccate con guanti dai non vedenti.

La curatrice della mostra, Lea Mattarella, ha spiegato che in questa mostra "artista e luogo si valorizzano reciprocamente" grazie a opere che sono "un moltiplicatore di bellezza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione