Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 22:14

Il manager «inventore» che sfrutta energia pulita

di ANTONELLA FANIZZI
Alla sua prima esperienza lavorativa come responsabile dell’ufficio tecnico di un’azienda di Monopoli, gli viene affidata una commessa da 5 milioni di euro. La ditta poi chiude e Eduardo, insieme a Nunzio Mazzarelli, un ingegnere con il quale aveva collaborato, fonda la «Giovinazzo energia», la società che porta il suo cognome, attiva nel settore delle energie rinnovabili.
Il manager «inventore» che sfrutta energia pulita
ANTONELLA FANIZZI

Alla sua prima esperienza lavorativa come responsabile dell’ufficio tecnico di un’azienda di Monopoli, gli viene affidata una commessa da 5 milioni di euro. La ditta poi chiude e Eduardo, insieme a Nunzio Mazzarelli, un ingegnere con il quale aveva collaborato, fonda la «Giovinazzo energia», la società che porta il suo cognome, attiva nel settore delle energie rinnovabili. Ancora nel 2012 Eduardo scrive gli algoritmi tecnici per una piattaforma informatica irlandese, con il compito di valutare le performance dei componenti più importanti degli impianti a fonti rinnovabili. Oggi firma il progetto Get, un innovativo sistema di produzione di energia pulita e inesauribile da fonte solare.

Il prototipo ha obiettivi ambiziosi, come il suo ideatore: costruire la casa a emissioni zero, sfruttando il sole e rendendo libera l’energia. Una modalità per alimentare appartamenti, uffici, case di campagna senza bollette da pagare. Perché questa avventura merita di essere raccontata? Perché l’inventore è un 25enne di Casamassima che ha investito nelle sue capacità e nel suo talento con tenacia e senza distrazioni. E che ha deciso di lavorare qui, nella sua terra, anche se ha già stretto partenariati con imprese di tutta Italia, dell’Europa e del Marocco. Partiamo dalla fine.
Il sistema Get, nome che deriva dall’acronimo di «Giovinazzo Elettro-Term», sarà presentato durante la discussione della tesi in Meccatronica e automazione integrata che Eduardo si appresta a discutere venerdì prossimo (giorno del suo 26esimo compleanno) nella scuola speciale di alta tecnologia «A. Cuccovillo» che lo studente-imprenditore frequenta da tre anni.

«Il mio sogno - racconta Eduardo - è quello di sensibilizzare la collettività sull’impor - tanza della tutela del pianeta. Ridurre l’inquinamento atmosferico, sviluppare le energie rinnovabili e, perché no, garantire a tutti, compreso chi vive in zone svantaggiate, un sistema di autoproduzione energetica affidabile, sicuro e completo è possibile». Del ragazzo che alle superiori studiava malvolentieri e che storceva il naso ogni volta che il padre lo portava con sé perché lo aiutasse a riparare gli impianti elettrici è rimasto ben poco. Eppure si è formato le ossa seguendo gli insegnamenti del padre, abile manutentore. «I miei genitori - ammette - sono i miei sostenitori più convinti. Da loro ho imparato il valore della professionalità e il senso del dovere, anche se mai avrei pensato che i circuiti elettrici, gli impianti tecnologici, i sistemi di videosorveglianza sarebbero diventati il mio pane quotidiano».

Il giovane manager con la passione per i piercing (ne ha quattro: due sui lobi delle orecchie, uno al naso e uno sui denti) e per i balli caraibici è iscritto al terzo anno della facoltà di Ingegneria elettrica al Politecnico di Bari e si appresta a conseguire il diploma al «Cuccovillo», l’Istituto tecnico superiore che si occupa di ricerca applicata che ha origine dal mondo dell’impresa e che si rivolge al mondo dell’impresa. Per portare sul mercato il Get, idea nata sui banchi e durante gli stage presso la De Palma Thermofluid, è in fase di costituzione una società spin-off dell’Its, la Genelterm, di cui Eduardo sarà socio di maggioranza e legale rappresentante. Al suo fianco ci saranno di sicuro la stessa Thermofluid, Nunzio Mazzarelli della Giovinazzo Energia, la LS Consulting e l’Its Cuccovillo che deterrà una quota sociale.

La Genelterm avrà lo scopo di fare ricerca, perfezionare il sistema, fino ad arrivare ad industrializzarlo, produrlo e nella fase finale commercializzarlo in ogni Paese. Il sistema Get, un unico dispositivo che si sta brevettando, è in grado di produrre energia elettrica, energia termica e attraverso queste, anche energia frigorifera, utilizzando esclusivamente i raggi del sole che sono a costo zero. Eduardo è soddisfatto: «Chi vorrà installare questo blocco, potrà disporre dell’energia giorno e notte». Le richieste di potenziali clienti sono già in arrivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione