Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 00:24

Intimidazioni a sindaci La Commissione «Serve una banca dati»

BARI - La commissione d'inchiesta del Senato fa tappa a Bari e incontra i prefetti delle province pugliesi nonchè i vari procuratori. La Puglia è al primo posto delle regioni italiane nel rapporto "Amministratori sotto tiro" con quattro amministratori uccisi. Una lunga sequela di attentati e atti intimidatori nei confronti dei pubblici amministratori. Riunione anche con sindaci, ex sindaci e commissari straordinari di diversi comuni
Intimidazioni a sindaci La Commissione «Serve una banca dati»
BARI - Quello degli attentati a sindaci e assessori “è un fenomeno che lo Stato non ha monitorato in maniera adeguata e rispetto al quale sono mancate risposte”. Così la senatrice Doris Lo Moro, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta del Senato sul fenomeno delle intimidazioni agli amministratori locali, che è oggi a Bari alla guida di una delegazione della Commissione, per incontrare i rappresentanti delle istituzioni pugliesi. Le audizioni si svolgeranno oggi e domani.

Prima di incontrare i prefetti di Bari, Bat, Brindisi e Lecce, la senatrice ha spiegato:“Siamo già stati in Sardegna, - ha detto – oggi siamo in Puglia (al primo posto tra le regioni italiane nel rapporto di Avviso Pubblico "Amministratori sotto tiro" con quattro amministratori uccisi nell’esercizio delle loro funzioni, ndr) e seguiranno almeno altre due audizioni in Calabria e Campania”.

L’obiettivo – ha proseguito – “è quello di dare la possibilità allo Stato di avere una banca dati e di istituirla in maniera permanente presso il Ministero degli Interni”. “Sentiremo le testimonianze delle persone direttamente danneggiate – ha continuato – per dare il senso di quello che una notizia di cronaca significa sul piano personale e sul piano istituzionale perchè l’attentato ad un sindaco è un attentato che si riflette sulla democrazia del territorio, sulla tenuta democratica del territorio. Ma l’obiettivo finale è quello di predisporre una tutela maggiore e diversa sul piano normativo, penale, sostanziale e processuale perchè sia data una risposta che allo stato non c'è, sia dal punto di vista della consapevolezza, sia dal punto di vista di una normativa adeguata”.

La Commissione sta incontrando i quattro prefetti. Le audizioni proseguiranno con i procuratori generali delle Corti di Appello di Bari e Lecce e i procuratori della Repubblica di Bari, Brindisi, Foggia, Legge, Taranto e Trani. Nel pomeriggio i senatori vedranno sindaci, ex sindaci e commissari straordinari di Cellino San Marco (Brindisi), Lizzano (Taranto), Ugento (Lecce), Toritto (Ba), Cerignola, Rodi Garganico e Monte Sant'Angelo (Foggia)e il prefetto di Foggia. Domani la delegazione incontrerà il prefetto di Taranto, i questori di Bari, Barletta, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto e i comandanti regionale e provinciali dei Carabinieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione