Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 23:18

Movida non più rumorosa ecco la discoteca «muta»

di ANTONIO GALIZIA
BARI - Dal centro storico di Conversano, la novità dell’estate: il «party muto». Stanchi di verbali, multe, blitz di vigili, carabinieri e dei continui litigi col vicinato, i giovani gestori di un pub del centro storico, hanno lanciato l’idea trendy della musica a zero decibel. Il trend arriva dall’Olanda e dall’Inghilterra. Cuffie a tutti gli avventori
Movida non più rumorosa ecco la discoteca «muta»
ANTONIO GALIZIA

BARI - Silenzio: si balla! Addio notti a tutto volume: arriva la «Silent disco». Dal centro storico di Conversano, la novità dell’estate: il «party muto». Stanchi di verbali, multe, blitz di vigili, carabinieri e dei continui litigi col vicinato, i giovani gestori di un pub del centro storico, hanno lanciato l’idea trendy della musica a zero decibel. Non è una loro esclusiva: questo trend arriva dall’Olanda e dall’Inghilterra e in Italia i primi a sperimentarlo sono stati gli organizzatori del «Flippaut festival» di Bologna. In Puglia, alcuni locali e festival del Salento e della Valle d’Itria.

Ora, ballare fino all’alba senza problema di inquinamento acustico, sarà possibile anche a Conversano. Convinti che azzerare il volume possa addirittura amplificare il divertimento e far apprezzare la qualità della musica, sono i gestori di «Rampa Villa», che insieme a birre, cocktail e pizze distribuiranno cuffie. Il debutto è per stasera sulla monumentale scalinata del quartiere medievale del Vicciarolo.

«La notte Silent disco – spiegano gli organizzatori - è uno dei più originali fenomeni di questi anni. In Puglia ha visto città come Cisternino, Locorotondo, Putignano e Lecce promotori di questo particolare evento».

A rendere incandescente l’atmosfera ci sarà l’esibizione contemporanea di tre dee jay pronti a trasmettere musica per tutta la notte e far ballare centinaia di ragazze e ragazzi su una scalinata. Grazie alla tecnologia wireless, su cui si basa la «Silent disco», la musica viene trasmessa direttamente a centinaia di cuffie senza fili, eliminando il classico sistema di diffusione attraverso casse audio. Il risultato è il divertimento di una discoteca ma con un inquinamento acustico pari a zero.

Con la tecnologia «Silent» ogni partecipante può scegliere il canale che trasmette la sua musica preferita dal controller della cuffia e cambiarlo continuamente durante l’evento. La serata sarà dunque rigorosamente senza musica diffusa da casse. I locali, per una volta, potranno farlo fin che vorranno. Con il silenzio si può. Del resto, c'era da aspettarselo: nell’era dei cellulari e dell’I-pod, cuffie e auricolari diventano prolungamenti delle orecchie. I dialoghi sono muti, via sms. La musica si scarica da internet e si riversa direttamente nei timpani. Fracasso? No grazie. La lotta al rumore fa tendenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione