Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 22:27

La Bosch apre una sua scuola a Bari

di ISABELLA MASELLI
BARI - Pasquale Gravina, due volte campione del mondo di pallavolo con la nazionale italiana è ora tra i coach della scuola di formazione Tec targata Bosch, l’azienda tedesca che ha uno dei suoi stabilimenti nella zona industriale di Bari. E proprio nel capoluogo pugliese ora Bosch apre la nuova sede della scuola di formazione Tec (nella foto il taglio del nastro)
La Bosch apre una sua scuola a Bari
di ISABELLA MASELLI

BARI - Passione, talento, gioco di squadra, disponibilità al cambiamento. Tutto questo vale nello sport come in una grande azienda. Lo sa bene Pasquale Gravina, due volte campione del mondo di pallavolo con la nazionale italiana e ora tra i coach della scuola di formazione Tec targata Bosch, l’azienda tedesca che ha uno dei suoi stabilimenti nella zona industriale di Bari. E proprio nel capoluogo pugliese ora Bosch apre la nuova sede della scuola di formazione Tec (Training - Esperienze - Competenze), in via Melo 229, con corsi di formazione tecnologica, manageriale ed esperienziale per i collaboratori Bosch e per le aziende esterne. Aule di formazione, uffici e una sala conferenze multimediale ospiteranno lezioni e seminari.

Quella di Bari è la seconda sede in Italia della scuola Tec, dopo quella di Milano, a dimostrazione dell’interesse e dell’impegno dell’azienda tedesca a continuare a investire su questo territorio. «Il distretto meccatronico pugliese è uno dei più all’avanguardia in tutta Italia. Qui si concentrano università, centri di ricerca e aziende che rappresentano un’eccellenza sul territorio nazionale. - ha detto Roberto Zecchino, direttore Risorse umane e organizzazione sud Europa di Robert Bosch -. Abbiamo pensato ad una sede qui a Bari, per poter rispondere in maniera fattiva alle esigenze di consolidamento e crescita delle aziende del sud Italia, in modo speciale delle piccole e medie imprese, di cui questo territorio è ricco». La scuola, infatti, oltre ad elaborare programmi per lo sviluppo di competenze manageriali e tecniche, offre corsi specifici per approfondire alcuni aspetti del business e della gestione operativa delle aziende. Nata nel 2002, la scuola di formazione Tec sviluppa percorsi formativi pensati appositamente per le esigenze delle aziende. Il know-how nasce dall’esperienza che Bosch ha acquisito in oltre 120 anni di formazione dei propri collaboratori e della propria rete distributiva.

«Oggi l’efficacia della formazione è un aspetto di particolare rilevanza per le imprese. Lo sappiamo per primi noi che come azienda, da sempre, crediamo in questo importante strumento. - ha detto Gerhard Dambach, amministratore delegato Bosch Italia -. Ci auguriamo che le tante aziende ad altissimo potenziale che popolano questo territorio possano usufruire della nostra competenza e trovino nella nostra offerta i mezzi necessari per innovare, crescere e affermarsi sul mercato». A crederci è anche la Regione Puglia che taglia il nastro della scuola accanto ai vertici dell’azienda. Per l’assessore allo Sviluppo economico, Loredana Capone, «questa scuola e l’azienda che la promuove rappresentano una grande occasione per far crescere le imprese del territorio».

Dello stesso avviso l’assessore regionale alla Formazione, Alba Sasso: «Un sistema economico e produttivo - ha detto - è competitivo se punta su innovazione, ricerca e competenze culturali», annunciando che «la prossima programmazione dei fondi strutturali dedicherà spazio agli investimenti sul collegamento tra mondo dell’istruzione, formazione e lavoro». Accanto alla formazione tecnologica, che spazia dai seminari per chi lavora a diversi livelli su macchinari e veicoli ai percorsi formativi per il miglioramento dei processi produttivi, la scuola Tec del Gruppo Bosch offre corsi di formazione manageriale e con la Tec Sport Academy prende spunto dal metodo sportivo per affrontare situazioni e problematiche aziendali. Qui si inserisce l’attività di coach d’eccellenza come il pallavolista Pasquale Gravina. «Nello sport come in un’azienda - ha spiegato partecipando all’inaugurazione della scuola barese - i messaggi, i valori e metodi sono gli stessi: in entrambi si punta al risultato in un costante rapporto tra passione e metodo, senza mai dimenticare di far parte di una squadra».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione