Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 00:58

Regione Puglia, proroga per i primi 39 precari

BARI - La Regione prorogherà di altri 3 anni i primi 39 contratti in scadenza entro l’anno. Ed entro fine mese, l’assessore al Personale, Leo Caroli, presenterà i due disegni di legge per la stabilizzazione e il pensionamento anticipato con l’impegno a farli approvare in Consiglio prima della pausa estiva.Caroli porta dunque a casa un risultato importante, per quanto il percorso di concertazione sia soltanto all’inizio
Regione Puglia, proroga per i primi 39 precari
BARI - La Regione prorogherà di altri 3 anni i primi 39 contratti in scadenza entro l’anno. Ed entro fine mese, l’assessore al Personale, Leo Caroli, presenterà i due disegni di legge per la stabilizzazione e il pensionamento anticipato con l’impegno a farli approvare in Consiglio prima della pausa estiva.Caroli porta dunque a casa un risultato importante, per quanto il percorso di concertazione sia soltanto all’inizio.

La Cabina di regia con le organizzazioni sindacali (presenti tra gli altri Caroli e il direttore del personale, Mimma Gattulli) si conclude dunque con la firma sotto il protocollo d’intesa: nonostante molti mal di pancia, alla fine ha firmato anche la Cgil che chiedeva l’avvio immediato delle procedure di stabilizzazione dei 400 cosiddetti precari, dipendenti a tempo determinato in gran parte chiamati a partire dal 2005 attraverso le short-list degli assessorati e poi arrivati fino a oggi, di proroga in proroga. Una norma dell’ultima legge di Stabilità, ormai nota come comma-Ginefra, ne prevede la stabilizzazione a domanda (bastano 36 mesi e almeno una proroga in deroga ai limiti di legge), ma la Regione non ha i soldi per procedere subito.

Il protocollo di intesa riguarda tutti gli aspetti della gestione del personale regionale. In particolare, è stato stabilito che entro fine 2014 verranno completate le assunzioni per i 60 vincitori del concorso da impiegati concluso a settembre. Per il resto, è stato ribadito che l’applicazione del «comma 529» richiede risorse economiche ingenti e - ad oggi - non disponibili: per questo motivo, la Regione può soltanto recepire la norma con una propria legge (così da dare una qualche certezza agli interessati) e tentare di reperire spazi finanziari attraverso i pensionamenti anticipati.

I relativi disegni di legge saranno preparati da un gruppo di lavoro con i sindacati, che nei prossimi giorni designeranno i propri rappresentanti: dovranno anche individuare una strada per garantire «le modalità di prosecuzione dei rapporti di lavoro in essere», visto che da qui a due anni i contratti a termine scadranno tutti. Ma il disegno di legge sulla stabilizzazione sarà tutt’altro che semplice, sia perché sul comma 529 gravano sospetti di incostituzionalità sia perché ci sono numerose perplessità anche nella stessa maggioranza di centrosinistra: gli affondi sui cosiddetti precari sono infatti arrivati anche dall’interno del Pd. La procedura rischia di arrivare al traguardo proprio alla vigilia delle prossime elezioni regionali, e soprattutto rischia di intrecciarsi con la conclusione del concorso per 200 funzionari: molti dei cosiddetti precari stanno tentando di entrare per questa strada.

m.s.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione