Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 12:22

Inquinamento

Smog, a Bari è nei limiti
Decaro: nessuna emergenza

Smog,  a Bari è nei limiti Decaro: nessuna emergenza

di ARMANDO FIZZAROTTI


BARI - «Aria, aria di casa mia, aria di libertà» cantava Sammy Barbot (sigla di «Happy Circus»: ve lo ricordate con Stefania Rotolo in tv?). E potremmo aggiungere: libertà dal blocco auto scattato in tante altre città. Erano perplessi molti baresi nei giorni dello shopping natalizio, nel carosello interminabile delle automobili, perché avvertivano un’aria più «pesante» in questo caldo inverno. «Chissà quanto smog ci stiamo respirando... E chissà... le centraline di controllo funzionano?!» si sono chiesti.

A spegnere dubbi e polemiche è un «tweet» del sindaco Decaro lanciato ieri pomeriggio, domenica post-natalizia: «A Milano blocco del traffico e a Roma targhe alterne. A Bari grazie a ztl, zsr, aree pedonali e park&ride, il pm10 non è più un'emergenza». Spiega l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli: «A Bari le 5 centraline di rilevamento dell’aria funzionano e danno valori assolutamente confortanti».

Andiamo a vedere. La legge fissa a 35 giorni il tetto massimo consentito in un anno di superamento del Pm10 (mix inquinante di polvere e fumo): Milano ha raggiunto 97 sforamenti; a Bari il numero più alto è stato di 18 giorni vicino al Cus (dov’è il varco del porto, zona di transito dei tir), secondo i dati aggiornati al 23 dicembre. «Aria di casa mia... »

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione