Martedì 14 Agosto 2018 | 16:12

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

L'industria portuale

Puglia, ecco le Zes: le nuove zone economiche speciali

Partono i Piani di sviluppo per la Zes Adriatica e quella Ionica. La richiesta del Molise

porto bari

BARI - La Giunta regionale ha approvato, nei giorni scorsi, i Piani di Sviluppo Strategico per la costituzione delle Zone Economiche Speciali «Adriatica» e «Jonica», con le relative perimetrazioni delle aree interessate. La Zes Adriatica (connessa ai porti di Manfredonia, Barletta, Bari, Monopoli e Brindisi e agli snodi logistici degli aeroporti di Bari, Brindisi e Foggia, dell'interporto regionale della Puglia, della piattaforma logistica di Incoronata) comprende un’area di circa 2668 ettari così divisi: nella provincia di Brindisi sono stati individuati 942 ettari, in quella di Bari 633, in quella di Foggia 446, in quella di Lecce 378 ed al polo di Barletta ne sono toccati 269. Oltre alle aree portuali e aeroportuali, include il polo di Foggia (con la zona industriale di Manfredonia e l’agglomerato AsiFoggia-Incoronata); il polo di Barletta (con la zona industriale di Barletta); il polo di Bari (con la zona P.I.P. di Bitonto, l’agglomerato AsiBari-Modugno, la zona industriale di Altamura, la zona P.I.P. di Gravina, le zone industriali di Monopoli e Molfetta); il polo di Brindisi (con le aree ASI di Brindisi, Fasano e Ostuni); il polo di Lecce (con le aree ASI di Lecce-Surbo, Galatina-Soleto, Nardò-Galatone, le zone industriali di Casarano e Matino, il centro intermodale di Melissano). Nel frattempo andrà perfezionata la richiesta di adesione alla Zes Adriatica arrivata dalla Regione Molise.

Per quanto riguarda la Zes interregionale dell'Area Ionica, che si estenderà dalla provincia di Taranto fino alla Basilicata, il provvedimento è stato trasmesso alla Regione Basilicata per la presa d'atto. L’ area complessiva prevista è di 2811 ettari, di cui 1750 per la Puglia (il Tarantino) e 1061 per la Basilicata. Il Piano strategico prevede un’integrazione tra i porti di Bari e Taranto e il suo inserimento, insieme alla Basilicata, nella cosiddetta A.L.I., Area Logistica Integrata del Sistema Pugliese-Lucano. In pratica, l’area va da Melfi a Tito, passando da Ferrandina fino alla Val Basento, verso la città di Taranto, per estendersi a Grottaglie, Martina Franca e Castellaneta ed infine al Centro intermodale di Francavilla Fontana.

«Sono molto soddisfatto per lo straordinario e complesso lavoro svolto dalla Task Force regionale individuata dalla Giunta per la redazione di questo Piano Strategico anche perché il piano - spiega il consigliere Enzo Colonna (Noi a Sinistra) - rappresenta un documento utile per conoscere al meglio il nostro territorio e le sue prospettive di sviluppo. Con l'inserimento di ampie aree produttive dei territori di Altamura (zona industriale che insiste sulla strada statale 96 per Gravina) e Gravina (aree P.I.P.), è stato adeguatamente considerato e valorizzato, all’interno del perimetro della Zes Adriatica, il vasto e articolato sistema produttivo della Murgia barese, come da me sollecitato in molteplici circostanze. Il territorio murgiano rappresenta, infatti, la naturale (e necessaria) cerniera tra le due Zes (Adriatica e Jonica) e tra la Puglia e la Basilicata, con cui condivide contiguità non semplicemente fisiche-territoriali, ma molto più profonde e strutturate nel tempo, di tipo economico-produttivo, storico-culturale e infrastrutturale».

«La Basilicata, in quanto priva di aree portuali, può partecipare al processo di costituzione delle Zes Ionica - dice Mino Borraccino (Sinistra) - grazie a un costante e significativo scambio economico-funzionale con la Puglia. E in questo quadro, il punto forte è l’area portuale di Taranto. C’è da augurarsi che il Governo nazionale colga in positivo il lavoro svolto finora in Puglia e in Basilicata e non frapponga ostacoli alla conclusione di questo positivo iter deliberativo». «Samo pronti ad avviare questo processo di sviluppo, puntando al protagonismo di Barletta - dice Ruggiero Menena (Pd) a proposito della Zes Adriatica - che si giocherà una grande scommessa per lo sviluppo del porto e di tutta la sua zona produttiva. Confidiamo –di portare al più presto in Consiglio comunale il pacchetto di agevolazioni che dovranno essere associate a quelle già previste dal piano strategico».

Bari BA, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Crollo ponte, Decaro: «Vicino al sindaco, siamo con te»

Crollo ponte, Decaro: «Vicino al sindaco, siamo con te»

 
Alla figlia serve un certificato per lavorare, ma l'ufficio è chiuso: «Se ne vada al mare»

Alla figlia serve un certificato per lavorare, ma l'ufficio è chiuso: «Se ne vada al mare»

 
Palagiustizia, se ci sono le condizioni, il trasloco si può rinviare

«Palagiustizia Bari, se ci sono le condizioni, il trasloco si può rinviare»

 
Bari, agente penitenziario si suicida con la pistola d'ordinanza, Mastrulli: «Una perdita immensa»

Agente penitenziario barese si suicida con la sua pistola in Toscana

 
Putignano, lite per una birra finisce a coltellate: grave un 27enne, ferita anche la madre

Putignano, lite per una birra finisce a coltellate: grave un 27enne, ferita anche la madre

 
Molfetta, tentano di rubargli l'auto mentre è in spiaggia: due arresti

Molfetta, tentano di rubargli l'auto mentre è in spiaggia: due arresti

 
Da adolescente spacciava cocaina, oggi a 18 anni lavora grazie a un progetto Anci

Da adolescente spacciava cocaina, oggi lavora grazie a un progetto Anci

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 20 morti e feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS