Domenica 22 Luglio 2018 | 14:36

Aggressione nel Barese

Castellana, lite dal medico: «C'ero prima io». Botte all'informatore scientifico. Mancano le regole

Un paziente non ha esitato a picchiare un «rappresentante»: fermato dal dottore

Castellana, lite dal medico: «C'ero prima io». Botte all'informatore farmaceutico

Partiamo dalla notizia: un informatore scientifico del farmaco è stato aggredito in provincia di Bari da un paziente all’uscita di un ambulatorio medico, riportando un trauma cranico e diverse lesioni, con una prognosi di 20 giorni. L’aggressore lo ha colpito fuori dall’ambulatorio, a Castellana Grotte, dopo aver avuto con lui una discussione sulla precedenza per entrare dal dottore. Nonostante abbia avuto la meglio, l’uomo non ci ha pensato due volte a picchiare, e solo l’intervento del medico lo ha fermato. A denunciare il fatto è stato il presidente della Federazione delle Associazioni degli informatori scientifici del farmaco e del parafarmaco (Fedaiisf), Antonio Mazzarella. Ha riportato un trauma cranico. Solidarietà dal presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici, Filippo Anelli.

Fin qui la cronaca dell'accaduto. E veniamo al dunque. In Puglia, contrariamente a quanto accade in altre regioni, manca una disciplina che regolamenti l'accesso degli informatore scientifici che svolgono legittimamente il loro lavoro. Per ovviare a «malintesi», alcuni territorio - come ad esempio l'Emilia Romagna - hanno previsto espressamente turni diversi per tali visite.Il problema si pone soprattutto per i medici di base massimalisti che hanno molti pazienti e le fasce orarie di visita sono limitate. Per tale ragione, spesso, la presenza del «rappresentante», non viene vista di buon occhio da chi magari attende da tempo il suo turno per la ricetta o per una visita.

In Puglia non esiste un regolamento, ma c'è una prassi che in qualche modo cerca di andare incontro alle esigenze dei pazienti e degli informatori scientifici. Come ci si comporta? Alcuni medici ricevono gli informatori per appuntamento, e in tal caso affiggono nei loro studi un avviso. Altri usano la turnazione dell'uno ogni tre pazienti. Altri addirittura fanno seguire il turno di attesa normale come i pazienti. Quale di questi tre esempi abbia innescato l'aggressione (ingiustificata) a Castellana, questo non si sa. Forse è giunta l'ora si sostituire la prassi con una regola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dmimmo

    10 Luglio 2018 - 08:08

    aumentare le ore ai medici di base , da 15 ore settimanali a 40 ore settimanali. perche' i medici di base nelle ore di ambulatorio si allontanano per visite domiciliari, aumentando le ore di attesa per i pazienti , e ci sono alcuni che si presentano anche in ritardo.

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Banca popolare di Bari presa di mira: svaligiato bancomat con esplosivo

Banca popolare di Bari presa di mira: svaligiato bancomat con esplosivo

 
Bari, terrorista iracheno torna libero e chiede asilo

Bari, terrorista iracheno torna libero e chiede asilo

 
Ristorazione, l'azienda Ladisaconferma trend crescita: +24%

Ristorazione, l'azienda Ladisa conferma trend crescita: +24%

 
Bari, incendio in appartamento:in salvo una donna sul balcone

Bari, fuoco e panico a Japigia. «Tutti fuori»: salva una donna Foto  Vd: il salvataggio

 
Crac Ferrovie Sud Est: Emiliano richiederà la parte civile al dibattimento

Crac Ferrovie Sud Est: Emiliano richiederà la parte civile al dibattimento

 
Bari Palagiustizia, gli avvocati fanno ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

Bari Palagiustizia, gli avvocati fanno ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS