Lunedì 25 Giugno 2018 | 08:17

diritto allo studio

Scuole senza un preside
sono 10 le sedi da coprire

Nessuna assunzione, perché la graduatoria è esaurita: reggenze al via

Scuole senza un preside sono 10 le sedi da coprire

di Antonella Fanizzi

Cambi al vertice in ben dieci scuole di Bari. Per effetto dei pensionamenti e della perdita dell’autonomia, in altrettanti istituti da settembre, alla ripresa delle lezioni dopo la pausa estiva, la poltrona più importante sarà occupata da un nuovo dirigente. Non tutte le scuole, però, potranno avere un preside in esclusiva. A causa dei ritardi per l’espletamento del concorso, l’Ufficio scolastico regionale (Usr) non potrà fare nessuna assunzione. La graduatoria è ormai esaurita e quindi le dirigenze saranno assegnate, nella migliore delle ipotesi, per effetto della mobilità che potrà avvenire all’interno della stessa provincia oppure potrà essere interregionale. Nel primo caso, nel momento in cui un dirigente presenta domanda di trasferimento e questa viene accolta, una scuola del territorio perde comunque la guida.

scuole a reggenza Molte di queste scuole avranno un preside part-time, da condividere con un altro istituto. La reggenza, nata proprio per tamponare i vuoti in situazioni di necessità improvvise, per l’anno 2018-2019 rischia di diventare la regola.

Avranno di sicuro un preside in condominio, perché per effetto del calo delle iscrizioni sono scese al di sotto delle 600 unità e hanno così perso il diritto ad avere un manager tutto proprio, tre scuole: l’istituto comprensivo del quartiere Libertà «San Giovanni Bosco-Melo», la media inferiore di via Oberdan «Amedeo d’Aosta» e il professionale per i servizi socio-sanitari «De Lilla». I dirigenti, rispettivamente Giuseppe Capozza, Marilena Abbatepaolo e Ester Gargano, potrebbero conservare l’incarico che finora hanno ricoperto, ma dovrebbero comunque occuparsi anche di altro istituto.

sedi vacanti per effetto dei pensionamenti Sono considerate invece sedi vacanti, e i posti messi a disposizione, altri sei istituti, alcuni con un numero di alunni che sfiora le mille unità. Dovranno necessariamente avere un nuovo preside, perché l’attuale è giunto al termine della carriera, il liceo classico «Flacco» (che saluta Anna Ruggiero), gli istituti comprensivi «Falcone-Borsellino» del rione Stanic, «Don Milani-Ungaretti» del San Paolo e «Umberto I-San Nicola» della città vecchia (in pensione nell’ordine Carmela Tavernise, Luisa Verdoscia e Stefania De Franceschi), il 17esimo circolo didattico Poggiofranco e il 27 circolo didattico di Palese (a riposo Rosanna Monitillo e Nicola Fraddosio). Futuro incerto pure per l’11esimo circolo didattico «San Filippo Neri», dove la dirigente Laura Raimondi è già a reggenza.

In alcuni casi non si tratta di semplici cambiamenti, ma di autentiche rivoluzioni. Soprattutto nelle scuole di periferia, il preside è diventato il punto di riferimento non soltanto per la singola comunità scolastica, bensì per l’intero quartiere. Gli istituti, che nonostante le risicate risorse economiche funzionano fino a sera e, nel caso di qualche materna e elementare persino nel mese di luglio, hanno attivato progetti e laboratori per migliorare la propria offerta formativa e per togliere i bambini dalla strada.

riflettori sul flacco C’è inoltre grande attenzione per la nuova guida del classico Flacco. A rivolgere un appello al direttore generale dell’Usr Puglia, Anna Camalleri, è stato nelle scorse settimane un gruppo di accademici e intellettuali baresi, fra cui il professor Luciano Canfora. Nella lettera aperta si legge: «Nella nostra città, uno dei luoghi in cui l'educazione classica si è realizzata è il liceo Orazio Flacco. Generazioni di giovani sono state educate secondo la tradizione umanistica in quell'istituto, tanto che il Flacco rappresenta, a Bari e in tutta Italia, la memoria della capacità di critica, di libertà nella nostra identità, aperta al pensiero poetico e all'innovazione scientifica.

Che l'Orazio Flacco sia sostenuto, rilanciato è necessario per questa città, per la sua cultura, per il suo bisogno di ironia e di malinconia. Nelle prossime settimane, cruciali, in cui si definiscono i nuovi contratti, le chiediamo pubblicamente di avere a cuore, nelle sue scelte per gli anni futuri, la competenza, la consolidata esperienza, il prestigio della dirigenza del nostro liceo. Il dirigente in un istituto non determina la “vita scolastica”, ma le dà l'input, la organizza, quindi le consente di svilupparsi e approfondirsi; è necessario, pertanto, che il preside del Flacco abbia quella valentia che possa, nel tempo, ridare slancio ad una storica tradizione. E noi siamo sicuri che lei saprà operare la scelta migliore per i nostri giovani, per l'Orazio Flacco, per la nostra città e per la cultura del nostro Paese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Rogo nell'area ex Ansaldo, fiamme spente da pompieri e uomini Aeronautica

Rogo nell'area ex Ansaldo, fiamme spente da pompieri e uomini dell'Aeronautica

 
Incontro col Papa a Bari, «droni» e maxischermi»

Papa a Bari, droni e maxischermi. Pass in Curia e nelle parrocchie

 
Inaugurato il diretto Bari-Mosca della S7 Airlines

Inaugurato il diretto Bari-Mosca della S7 Airlines

 
Andrea con la moglie

Andrea, operaio ex Om da 7 anni senza lavoro. «Da 15 mesi vivo per strada»

 
Polemiche per il dlVolpe: «Uno spot in malafede»

Polemiche per il decreto legge
Volpe: «Uno spot in malafede»
Anm: iter straordinario per sede

 
cadavere trovato vicino allo stadio

Bari, trovato un corpo vicino lo stadio San Nicola

 
Baglioni in concerto a Bari, aggiunta la data dell'8 novembre

Baglioni in concerto a Bari, aggiunta la data dell'8 novembre

 

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Italia TV
Topi tra i cassonetti al centro di Roma

Topi tra i cassonetti al centro di Roma

 
Mondo TV
Saudite al volante: finalmente indipendenti

Saudite al volante: finalmente indipendenti

 
Economia TV
In aziende appena 5% donne al top stipendi

In aziende appena 5% donne al top stipendi

 
Calcio TV
Baresi e Albertini al memorial Freti

Baresi e Albertini al memorial Freti

 
Spettacolo TV
Fuga dall'isola del Diavolo

Fuga dall'isola del Diavolo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea