Cerca

Martedì 22 Maggio 2018 | 15:40

il giudizio sull'ex assessore alla sanità

Processo Sanitopoli, Vendola: scelsi
Tedesco perché era un cavallo di razza

Testimone insieme all'ex governatore anche Dario Stefàno, in quegli anni consigliere regionale di Sel, oggi senatore della Repubblica

Processo Sanitopoli, Vendola: scelsi Tedesco perché era un cavallo di razza

di Giovanni Longo

Bari - C’è aria di «Primavera pugliese». Non è il revival di uno slogan che anni fa rappresentò un punto di svolta nel modo di pensare la politica nella nostra regione e di cui oggi, forse, non resta tantissimo. Anche perché l’occasione non è un convegno tra reduci di un tempo che fu. Del resto, uno di quei protagonisti di quella stagione è sul banco degli imputati. Siamo al piano terra del palazzo di giustizia di via Nazariantz, a Bari. C’è Alberto Tedesco, che non si perde un’udienza del processo in cui è accusato di essere stato a capo di una presunta associazione a delinquere che avrebbe pilotato nomine e appalti e che rivendica, invece, la correttezza dei suoi comportamenti. C’è un senatore della Repubblica, Dario Stefàno, in quegli anni consigliere regionale di Sel, oggi senatore della Repubblica, qui nella veste di testimone. C’è, soprattutto, il protagonista di quel movimento. Nichi Vendola («Nicola» all’anagrafe come declina quando gli chiedono le generalità). Anche lui è testimone. Citato dal suo ex assessore alla sanità.

«Sono rientrato nei ranghi della libera professione di giornalista» dice quando il Tribunale (presidente Rosa Calia Di Pinto) gli chiede che attività svolge. Con una passione politica affatto sopita e che in più punti della deposizione, riemerge. Alla fine del processo ormai agli sgoccioli e per la gran parte ormai prescritto, i giudici dovranno stabilire se Tedesco nella sua veste appunto di politico, anzi, di amministratore, ha commesso reati oppure no. L’ex assessore è imputato con altre nove persone, fra ex dirigenti sanitari pugliesi e imprenditori, per associazione per delinquere e concussione. Correvano gli anni 2005-2009. Un’era geologica fa.

Così, a colpire, è un giudizio politico di Vendola su Tedesco. «Era considerato da tutti un cavallo di razza della politica pugliese. Aveva attraversato indenne la stagione di tangentopoli, aveva polso e visione». Rispondendo alle domande del difensore di Tedesco, avvocato Rosita Petrelli, Vendola spiega come arrivò a sceglierlo per un assessorato chiave e così delicato. Dice che all’epoca conosceva «i protagonisti della vita pubblica pugliese solo attraverso i giornali, perché prima di essere eletto vivevo a Roma». Racconta di essere a conoscenza del fatto che i familiari di Tedesco lavorassero nel settore della sanità, «ma lui mi rassicurò sulla correttezza del suo operato. In quegli anni non ci fu alcuna lievitazione anomala dei profitti dei suoi congiunti - ricorda l’ex governatore pugliese - e nulla emerse che potesse metterci in allarme».

A Vendola viene anche chiesto dell’ex direttore sanitario dell’Asl di Lecce, Franco Sanapo. Stefàno gli segnalò un’inopportuna presenza nella segreteria politica dell’ex vicepresidente della giunta, Sandro Frisullo, imputato in un altro processo sulla gestione della sanità pugliese. Vendola non cita mai per nome quest’ultimo. Una presenza, tornando a Sanapo, che l’ex governatore giudica di «assoluta violenza», perché un manager della sanità pubblica «non poteva svolgere un ruolo in un ufficio politico». Vendola ricorda di essere stato duro con entrambi. E anche di aver dato alcune indicazioni ai manager Asl: «non inaugurate reparti durante le campagne elettorali». Politica, ancora politica. Alla domanda se qualcuno tra i manager gli parlò di influenze subite da Tedesco, Vendola, dice sicuro: «nessuno». Anche se ricorda rapporti non sereni tra Tedesco e Lea Cosentino, ex direttore generale dell’Asl di Bari, a sua volta imputata in altri procedimenti sulla sanità. Nel 2009, Tedesco si dimise. Anche di questo parla Vendola.

Il processo viene aggiornato al 9 ottobre con la requisitoria del pm Luciana Silvestris. Vendola e Stefàno sono già andati via.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

SMALTIMENTO RIFIUTI - Da Roma la richiesta alla Puglia

Rifiuti di Roma, ora ne discuta il Consiglio Regione Puglia

 
Bari, bilancio non approvato, diffida del prefetto. «E Decaro se ne va a Corfù»

Bari, bilancio non approvato, diffida del prefetto. «E Decaro va a Corfù»

 
Stalking, fino a 28 telefonateal giorno: in manette 53enne

Stalking, fino a 28 telefonate
al giorno: in manette 53enne

 
Terlizzi, armati di centralinetentano «sblocco» auto rubata

Terlizzi, armati di centraline
tentano «sblocco» auto rubata

 
Donazione d'organi, al via in Pugliauna serie di iniziative coordinate

Donazione d'organi, in Puglia una serie di iniziative coordinate

 
Francesco Schittulli, chirurgo senologo oncologo e presidente nazionale Lilt

Tumori, Schittulli: cancro sempre più guaribile

 
Acquedotto Pugliese, potenziato depuratore Ruvo-Terlizzi

Acquedotto Pugliese, potenziato depuratore Ruvo-Terlizzi

 
Il Palagiustizia ha criticità strutturali, c'è il rischio di sgombero

Il Palagiustizia ha criticità strutturali, c'è il rischio di sgombero

 

MEDIAGALLERY

Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 
Molestie su minorenni, polizia arresta 51enne

Molestie su ragazzine, polizia arresta 51enne VIDEO

 
Sequestrata una discarica abusiva a Sannicandro di Bari

Sequestrata una discarica abusiva a Sannicandro di Bari

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Mondo TV
Altro incidente mortale su una Tesla

Altro incidente mortale su una Tesla

 
Italia TV
Una persona su 3 ha la pressione alta, ma molti non lo sanno

Una persona su 3 ha la pressione alta, ma molti non lo sanno

 
Spettacolo TV
Nozze in vista per Hugh Grant

Nozze in vista per Hugh Grant

 
Meteo TV
Previsioni meteo per mercoledi', 23 maggio 2018

Previsioni meteo per mercoledi', 23 maggio 2018

 
Economia TV
Sony compra quota di maggioranza in EMI Music

Sony compra quota di maggioranza in EMI Music

 
Calcio TV
Buffon: Nazionale? Tolgo disagio e imbarazzo a tutti

Buffon: Nazionale? Tolgo disagio e imbarazzo a tutti

 
Sport TV
Nadal a Roma, Re per l'8/a volta

Nadal a Roma, Re per l'8/a volta