Giovedì 19 Luglio 2018 | 10:05

La vertenza

Bitonto, sciopero della fame
all'istituto Maria Cristina

In ginocchio l'azienda di servizi alla persona in ginocchio dopo anni di debiti e malagestione

Bitonto, sciopero della fameall'istituto Maria Cristina

Enrica D’Acciò

Bitonto - Consiglio di amministrazione dimissionario, lavoratori in sciopero della fame. Precipita ancora la situazione del «Maria Cristina di Savoia», l’azienda di servizi alla persona, in ginocchio dopo anni di debiti e malagestione. Ieri, così come già annunciato nei mesi scorsi, i 17 dipendenti ancora formalmente in servizio hanno cominciato lo sciopero della fame: solo acqua, presidio fisso al «Maria Cristina» anche di notte fino ad ottenere un incontro risolutivo con la regione. I lavoratori, che hanno accumulato 27 mensilità di arretrato, sono di fatto senza lavoro da quando, a febbraio, sono state sospese tutte le attività gestite in proprio dal «Maria Cristina».

Ieri mattina, un po’ a sorpresa, una delegazione di lavoratori ha fatto irruzione a palazzo di città, durante la seduta del consiglio comunale, per sollecitare un intervento unanime della massima assise cittadina. Al termine dell’incontro, è partita una lettera, con in calce tutte le firme dei consiglieri, diretta al presidente della regione Michele Emiliano: «intervenire con fermezza e immediatezza nella risoluzione di questa situazione che sta minando la serenità sociale della comunità, da sempre attenta al tema dell’accoglienza e dei più deboli».

A latere il primo cittadino Michele Abbaticchio ha commentato: «Abbiamo partecipato a tanti incontri, in regione, abbiamo avanzato anche qualche proposta operativa, molto concreta, ma non abbiamo ricevuto che silenzio. Nonostante tutto, siamo qui. A disposizione. Nonostante tutto». Sempre di ieri, è la nota con cui il consiglio di amministrazione dell’azienda ha rassegnato le dimissioni. Fino a ieri, nel cda sedevano Grazia Scaraggi, nominata dalla provincia di Bari, Marianna Pischetola, rappresentante del terzo settore e Luigi Ventola in rappresentanza del comune di Bitonto. Vacante la poltrona del presidente, di nomina regionale, e del consigliere in rappresentanza del comune di Palo. Con una nota dai toni piccati, il consiglio d’amministrazione ha respinto al mittente i «continui e immeritati attacchi», pretendo tuttavia atto «dell’impossibilità dell’ente di perseguire i propri scopi». Dito puntato contro «la mancata inaugurazione della comunità per gestanti e figli a carico e l’occupazione abusiva di parte dell’immobile» ma anche, più in soldoni, «la mancata erogazione del cospicuo contributo annuale da parte della città metropolitana».

Presa di posizione anche per il mancato accordo con la diocesi per la cessione della chiesa della Madonna del Carmelo annessa al «Maria Cristina»: «abbiamo ritenuto, in coscienza, di non poter assumere la decisione tanto importante, quale la costituzione del diritto di superficie, per la durata di 99 anni, in una condizione di crisi conclamata e da parte di un consiglio di amministrazione dimissionario».

Che succederà adesso al «Maria Cristina»? Come atto finale, il consiglio di amministrazione ha avviato le procedure di mobilità per i 17 lavoratori, che nei prossimi 90 giorni potranno essere ricollocati in altri enti pubblici per poi finire nelle liste di disponibilità. La gestione dell’azienda, invece, dovrebbe passare nelle mani di un commissario straordinario il quale dovrà far fronte alla crisi, ai debiti, oltre 2 milioni, e ai 17 lavoratori in attesa di risposta. La nomina spetta alla giunta regionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Un grattino falsificato la condanna e una «pena» che le ha cambiato la vita

Un grattino falsificato la condanna e una «pena» che le ha cambiato la vita

 
Acquedotto, Pd spaccatotra Comuni e proroga

M5S contro Emiliano
sulle nomine in Aqp

 
Da oggi la Fibronit non c'è più: demoliti gli ultimi muri

La Fibronit non c'è più: demoliti gli ultimi edifici

 
Torre Panoramica

Bari, in arrivo una torre panoramica alta 75 metri

 
Battiti Live

Battiti Live, gran finale a Bari il 29 Gazzetta porta 10 di voi nel backstage

 
Da Bari a Parigi con Air France: 5 voli in più fino a settembre

Da Bari a Parigi con Air France: 5 voli in più fino a settembre

 
Politecnico di Bari da record: «90% dei laureati lavora dopo 3 anni»

Politecnico di Bari da record: «90% dei laureati trova lavoro dopo 3 anni»

 
Palagiustizia

Palagiustizia Bari, le due nuove sedi pronte entro un mese

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS