Giovedì 21 Giugno 2018 | 01:06

Solo un colpo di mattarellum
può assicurare governabilità

mattarella

Strano il mondo. Il presidente cinese Xi Jinping si proclama imperatore a vita. Il collega russo Vladimir Putin si prepara a qualcosa di simile, sia pure non disdegnando gli intervalli elettorali. L’equipollente americano Donald Trump vorrebbe imitarli, ma deve annacquare le sue pulsioni vitalizie nel bicchiere di una battuta umoristica. Altri leader si accingono a emularli seguendo istinti nazionalistici. La democrazia non attraversa il suo periodo storico migliore. Di sicuro non è irreversibile. La tentazione padronale, per molte nomenklature al potere, è più irresistibile di un barattolo di Nutella.

Le democrazie possono eclissarsi in due modi: per surplus o per deficit di potere da parte della classe dirigente. Le democrazie sono complicati marchingegni d’equilibrio tra governanti e governati, tra maggioranze e opposizioni, tra istituzioni e corpi intermedi, tra legislativo ed esecutivo, tra rappresentanza politica e autorità giudiziaria, tra organi di governo e organi d’informazione, tra autorità amministrative e strumenti di controllo.. Per questo, come insegnano i classici del pensiero liberal-democratico, la libertà richiede continua vigilanza.

Se Cina, Russia e Usa hanno esecutivi, e relativi capi , affetti da doping decisionale, l’Europa, o meglio gli Stati europei, soffrono di una malattia opposta: la carenza di autorevolezza, oltre che di autorità, da parte chi chi governa.
Persino la Germania non è più quel modello di stabilità governativa di un tempo. Fatta eccezione per la Francia, tutte le nazioni del Vecchio Continente sono guidate da esecutivi oscillanti come foglie autunnali. Il che, oltre a indebolire i singoli Stati, indebolisce la stessa Unione Europea, che oggi guarda dalla quarta fila lo spettacolo dei tre protagonisti sulla scena mondiale, pur disponendo l’Europa, di un Pil complessivo degno di una superpotenza.

La questione si chiama governo. Una questione che tocca in primis l’Italia, da 70 anni alla vana ricerca - direbbe il cantatutore Franco Battiato - di un centro di gravità permanente. Quasi tutti i grandi leader del Belpaese, a cominciare da Alcide De Gasperi (1881-1954) si sono cimentati nel tentativo di riequilibrare il rapporto tra esecutivo e legislativo, al fine di rendere più spedita e trasparente la fabbrica delle decisioni. Ma nessuno è riuscito a centrare l’obiettivo. Anzi, molte mini-riforme hanno addirittura peggiorato la situazione, rendendo il sistema politico più lento di un ippopotamo.
Nell’era della globalizzazione, è altamente pericoloso presentarsi al cospetto dei competitori esteri con governi svuotati di forza e con istituzioni prive di prestigio. Si rischia l’irrilevanza, quanto meno la subalternità rispetto al mondo che conta.

Il referendum costituzionale bocciato il 4 dicembre 2016 non era un capolavoro. Per giunta per stato presentato ai cittadini con una carica di personalizzazione politica perlomeno autolesionistica. Ma la tematica (creare le condizioni per una governabilità di legislatura) che quel quesito aveva voluto sottoporre al giudizio degli italiani, è destinata a riaffacciarsi al più presto sulla scena politica nazionale, pena la cronicizzazione della paralisi governativa. E un Paese senza governo è destinato, prima o poi, a vivere avventure spiacevoli, a imbattersi in qualche aspirante ducione. Del resto è da tempo immemorabile, dalle prime commissioni per la riforma costituzionale, che si cerca di dotare il governo italiano dei medesimi poteri attribuiti agli esecutivi democratici occidentali. Le stesse Regioni hanno adottato sistemi decisionali simili ai modelli presidenziali in auge in altri posti.
Ora. Per il governo nazionale non è necessario imitare l’ordinamento istituzionale delle Regioni, fondato sull’elezione popolare dei Presidenti. È sufficiente un mix di misure, tra legge elettorale e assetto costituzionale, a beneficio della governabilità.

Il voto del 4 marzo costituisce, o può costituire, una spinta in tale direzione, anche se tutti fanno finta di ignorare la questione. Che vogliamo fare? Vogliamo consegnarci a secoli di non governo, dato che con le attuali regole del gioco, la formazione di un esecutivo coerente e maggioritario rimarrà più improbabile di una retrocessione del Real Madrid in serie B?

L’Italia ha perso grandi occasioni, anche in sede referendaria, per passare da una democrazia caotica a una democrazia funzionante. Il 1999, ad esempio, il responso popolare bocciò per un soffio il referendum di Mario Segni che introduceva il sistema elettorale maggioritario all’inglese. Se quella proposta fosse passata, quasi certamente si sarebbe rafforzata l’intera architettura costituzionale. Né si sarebbe dato vita al carnevale delle riforme elettorali, una più oscena dell’altra, tese a ipotecare la vittoria di chi in quel momento si trovava dietro le scrivanie giuste.

Lo stallo odierno è figlio degli errori e dei retropensieri del recente passato. Ma il Paese non può stare fermo. Né potrebbe essere una soluzione quella ritornare alle urne con gli attuali meccanismi del voto: ci ritroveremmo, al 99%, punto e a capo.
C’era una via d’uscita nei mesi scorsi, che avrebbe assicurato governabilità e agibilità democratica: il sistema elettorale denominato Mattarellum. Se fosse stato reintrodotto, i risultati del 4 marzo avrebbero dato vita a una maggioranza autosufficiente. Invece, quasi tutti, compresi quelli che avrebbero ottenuto benefìci dal ripescaggio del Mattarellum, hanno eretto un muro di contrasto contro il testo che porta il nome dell’attuale presidente della Repubblica..
Si dovrebbe ripartire da un sistema funzionante come il Mattarellum prima di ridare la parola ai cittadini. M5S, Pd e centrodestra potrebbero, se vogliono, trovare un’intesa preventiva in proposito, per poi giocarsi la partita in nuove elezioni, regolate dal Mattarellum. Ma il senso di responsabilità che invoca quotidianamente l’inquilino del Colle, non trova spazio (neppure) tra i professionisti del senno di poi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

 
Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

 
Grosso vuole il Verona ma occhio alla clausola

Il Grosso schiaffo ai tifosi del bari

 
La questione «capitale»? Istituzioni non leadership

La questione «capitale»? Istituzioni non leadership

 
Il banco di prova per il nuovo Governo

Il banco di prova per il nuovo Governo

 
Le grandi ancora «fredde», il Mondiale russo non scalda

Le grandi ancora «fredde», il Mondiale russo non scalda

 
La tendopoli allagata del Palagiustizia di Bari

La Giustizia fa acqua ma non per la pioggia

 
Regione Campania - Il presidente Vincenzo De Luca

Sud, l'illusione fatale del postificio statale

 

MEDIAGALLERY

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 
Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Mondo TV
Oms, transgender non e' un malato mentale, basta stigma

Oms, transgender non e' un malato mentale, basta stigma

 
Economia TV
Ecobonus, famiglie italiane hanno investito 3,7 miliardi

Ecobonus, famiglie italiane hanno investito 3,7 miliardi

 
Meteo TV
Previsioni meteo della settimana

Previsioni meteo della settimana

 
Spettacolo TV
Cinema, tra umano e divino

Cinema, tra umano e divino

 
Italia TV
La nuova sfida europea sulle tracce dei migranti dispersi

La nuova sfida europea sulle tracce dei migranti dispersi

 
Calcio TV
Mondiali, la Russia vede gli ottavi

Mondiali, la Russia vede gli ottavi