Sabato 23 Giugno 2018 | 17:49

Dalla giornata delle mimose allo sciopero delle donne

Dalla giornata delle mimose allo sciopero delle donne

di ENRICA SIMONETTI

Cari italiani, anzi, cari grillini e leghisti, domani il nostro Paese potrebbe fermarsi. Il motivo non è la neve, ma un altro cataclisma al femminile e cioè lo sciopero delle donne. Però - siamo pur sempre in Italia - il condizionale è d’obbligo, il Paese «potrebbe» fermarsi, visto che non si sa se e quante donne aderiranno alla protesta pacifica che è pronta a invadere le piazze di 70 Paesi del mondo e rilanciata in Italia con una serie di cortei e sit in.

La scintilla di questo movimento fu accesa due anni fa, quando nel giorno della violenza contro le donne (25 novembre) una marea rosa invase Roma e non solo, tra scarpe rosse e slogan, volti di donne sfregiate con l’acido e altre «amenità» che passano sul corpo femminile.

Ma ogni anno sembra aggiungersi un motivo in più al dissenso femminile, nonostante si viva in un mondo che - solo apparentemente - sembra guidato dalle donne. Prima le spose bambine, poi il burqa, poi l’acido del fidanzato molesto, poi la disoccupazione, la precarietà, l’aborto negato, eccetera eccetera. Un lungo elenco dietro cui si celano solitudini ed emergenze, delusioni e insicurezze. O drammi familiari tremendi, come quelli evocati da ogni telegiornale che ci porta in casa immagini di mogli e bimbi uccisi. Questo è l’anno delle molestie. Non che gli altri problemi siano risolti - ci mancherebbe, non si risolve mai nulla! - ma il vento della ribellione soffiato dall’oltreoceano a noi, ha portato a quella voglia di riscossa che tenta da mesi di piegare gli «orchi» e i «ragni» del pianeta. Negli Usa il caso del produttore Weinstein, campione internazionale di molestie e di denunce, ha fatto esplodere il movimento #meetoo, che in italiano significa «anch’io» e che ha dato la stura alle tante attrici, anche nostrane, le quali hanno gridato al mondo «pure io molestata». Un fiume di voci e di volti, ma soprattutto di epoche e di stili, dato che alcune denunce (tardive?) sono arrivate trent’anni dopo il fatto, più lentamente di un Intercity nella neve. Altre ancora, non sono nemmeno giunte nei luoghi deputati e cioè sono state spifferate in giro e non agli inquirenti.

Ma, degenerazioni a parte, il movimento Usa #meetoo ha ridato forza a un genere femminile patinato che potrebbe trainare tutta l’altra faccia del mondo che sopporta in silenzio non inviti a cena e assalti in grandhotel, ma lavoro senza garanzie, sottopagato, fatto di affronti, ripicche, minacce. È a questo universo che si rivolge lo sciopero globale delle donne che si terrà domani e che è stato rilanciato dal movimento «Non Una di Meno» e dall’Udi con il nuovo slogan più socializzante #weetoo (addio italiano, per sempre). Le donne dovrebbero astenersi da ogni attività. Dal lavoro alla spesa, dall’assistenza a tutte le forme di lavoro visibile e invisibile, in modo da poter mostrare come corre il Paese sulle gambe delle donne. Quelle che Weinstein ama toccare.

E a proposito di Weinstein, sapete chi sarà in prima fila a scioperare? Asia Argento, la bella e scalmanata che adesso - pare - scenderà in piazza al fianco delle donne. Anche qui, il condizionale è d’obbligo, perché Asia è la stessa bella e scalmanata che qualche settimana fa ha rifiutato di firmare l’appello delle donne di #DissensoComune, definendolo «la letterina di Babbo Natale delle donne del cinema italiano». Però, chissà, ha cambiato idea. E ha deciso di inforcare l’arma dello sciopero, quella che Ennio Flaiano aveva descritto come Itaglia in cui spesso dilaga «molto rumore per tutto». Per non cambiare nulla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

 
Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

 
festa della repubblica

Una Repubblica fondata sui (tele) raccomandati

 
Il buonismo visto da Vauro

Si fa presto a dire buonismo o cattivismo

 
Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

 
Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

 
Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

 
Grosso vuole il Verona ma occhio alla clausola

Il Grosso schiaffo ai tifosi del bari

 

MEDIAGALLERY

Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Attentato in Etiopia, 83 i feriti

Attentato in Etiopia, 83 i feriti

 
Italia TV
Salvini contro l'obbligo di vaccini, frena M5S

Salvini contro l'obbligo di vaccini, frena M5S

 
Spettacolo TV
Uragano e pallottole in Alabama

Uragano e pallottole in Alabama

 
Economia TV
Ultimatum di Trump all'Europa sui dazi

Ultimatum di Trump all'Europa sui dazi

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero