Venerdì 22 Giugno 2018 | 01:21

Emergenza

Basta ipocrisia e buonismo
sui migranti reclusi in libertà

EMERGENZA - Migrante in città

EMERGENZA - Migrante in città

Reclusi in libertà. Detenuti in attesa di libera uscita. Carcerati a piede libero. All’ossimoro di questa assurda e disumana condizione sono consegnati i profughi e gli immigrati, più o meno clandestini, che scorrazzano nella disperazione delle nostre città, strade, piazze e parchi pubblici, come fantasmi smarriti e vaganti.

C’è poi tanto da sorprendersi se qualcuno di loro – certamente una minoranza – si arruola nell’esercito clandestino della droga e della prostituzione? Oppure s’iscrive alla manovalanza della piccola o grande criminalità? Ovvero si dedica agli scippi, ai furti, ai borseggi, alle rapine o agli stupri?

Soltanto un impasto acido di buonismo e ipocrisia nazionale, un “amalgama malriuscito” come direbbe l’ex “lìder maximo” del Pd, può mistificare la durezza della realtà e rimuovere la catena di responsabilità, errori, colpe, inerzie e omissioni a cui abbiamo appeso la nostra cattiva coscienza. La questione dei migranti – un esodo biblico dai Paesi più poveri a quelli più ricchi e sicuri - non si risolve con le belle parole né tantomeno a colpi di slogan. Al di là della solidarietà, occorre una buona dose di pragmatismo per rispettare la loro dignità di esseri umani e i nostri legittimi diritti di cittadini.

Non possiamo evidentemente respingerli in blocco né accoglierli in massa. E allora, ricorriamo a quell’arte italica di dare un colpo al cerchio e uno alla botte: accoglienza e integrazione, innanzitutto; ma anche centri-lager dove recluderli, carceri a cielo aperto, case occupate abusivamente, respingimenti e – quando proprio non se ne può fare a meno, di fronte agli episodi più gravi di violenza o di criminalità – espulsioni quasi sempre tardive. Segnali incoerenti, contrastanti, contraddittori. La gestione dell’immigrazione richiede piuttosto efficienza e tempestività.

Ciò vuol dire in concreto capacità di organizzare, coordinare, dirigere questo flusso epocale. Occorre, insomma, una sorta di “Agenzia di collocamento” a livello sovranazionale, magari sotto l’egida dell’Ue, per orientare e distribuire i migranti che sbarcano sulle nostre coste. L’appello del Comune di Ventotene – “Qui pochi studenti, dateci i migranti” – è un segnale che evoca lo spirito dello storico manifesto “Per un’Europa libera e unita”, scritto proprio in quell’isola nel ’41 dai confinati Altiero Spinelli, Ernesto Rossi ed Eugenio Colorni.

Non è tanto un problema di razza o di colore della pelle. Quanto di condizioni materiali di sopravvivenza. Senza lavoro, senza casa, senza un minimo di integrazione, è fatale che questo popolo di disperati manifesti prima o poi moti di rabbia sociale e di odio, in un contesto generale di emarginazione, sfruttamento, discriminazione.

Quello che è accaduto recentemente a Roma, in piazza Indipendenza, con le cariche della polizia per sfollare gli immigrati che avevano occupato un edificio e poi s’erano accampati nei giardini vicino alla stazione Termini, può accadere da un momento all’altro in qualsiasi piazza italiana. E purtroppo, potrebbero ripetersi anche altri stupri di gruppo come sulla spiaggia di Rimini.

Non certo per un’inclinazione naturale dei nordafricani a delinquere, ad aggredire e a violentare, ma proprio per la situazione estrema in cui si trovano a vivere; per l’abbrutimento a cui sono condannati; per la consuetudine con la barbarie a cui sono sottoposti.

Ha senz’altro ragione, allora, il ministro Minniti a temere per la “tenuta democratica” del nostro Paese. E tutti noi con lui. In un clima incandescente che tende ad arroventarsi ogni giorno di più, la reazione d’insofferenza popolare rischia di essere improvvisa e incontenibile.

Non possiamo continuare a ospitarli come profughi o migranti e poi trattarli da criminali. Né tantomeno rassegnarci all’idea che le nostre regole vengano violate impunemente in nome della fuga dalla povertà, dalla fame o dalla paura. Anche l’accoglienza ha un limite: la sicurezza dei cittadini italiani, cioè il diritto a difendere la propria libertà e a non veder invaso il proprio territorio da una massa di disperati ai quali non siamo in grado di offrire le condizioni minime di una sopravvivenza dignitosa e civile.

“Stop agli sbarchi”, dunque, come dice ora anche il segretario del Pd, Matteo Renzi. Se il governo non sarà capace di trasmettere un messaggio chiaro e forte di consapevolezza, di efficienza e di responsabilità, finirà per fare il gioco delle destre, dei populisti e degli estremisti, alimentando così la xenofobia e il razzismo strisciante. A quel punto, sarà peggio per tutti: a cominciare proprio dai profughi e dai migranti.

Giovanni Valentini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

festa della repubblica

Una Repubblica fondata sui (tele) raccomandati

 
Il buonismo visto da Vauro

Si fa presto a dire buonismo o cattivismo

 
Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

 
Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

 
Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

 
Grosso vuole il Verona ma occhio alla clausola

Il Grosso schiaffo ai tifosi del bari

 
La questione «capitale»? Istituzioni non leadership

La questione «capitale»? Istituzioni non leadership

 
Il banco di prova per il nuovo Governo

Il banco di prova per il nuovo Governo

 

MEDIAGALLERY

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Melania Trump in Texas: "come posso aiutare?"

Melania Trump in Texas: "come posso aiutare?"

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Italia TV
Merkel chiama Conte, bozza Ue sara' accantonata

Merkel chiama Conte, bozza Ue sara' accantonata

 
Economia TV
Termini, Nugo Space Experience per semplificare il viaggio

Termini, Nugo Space Experience per semplificare il viaggio

 
Meteo TV
Previsioni meteo del weekend

Previsioni meteo del weekend

 
Calcio TV
Nainggolan all'Inter

Nainggolan all'Inter

 
Spettacolo TV
Una vita spericolata, diventare criminali per caso

Una vita spericolata, diventare criminali per caso