Domenica 22 Luglio 2018 | 09:09

Il ping pong giudiziario sui soldi all'ex consorte

Produce un finto divorzio«salta» il nuovo matrimonio

Mantenimento dell’ex coniuge, arriva «l’ultima parola», ma forse no. Andiamo con ordine. In principio fu Veronica, parliamo naturalmente della Lario, la seconda ex consorte di Silvio Berlusconi. È stato il mega assegno divorzile che doveva pagarle il magnate televisivo a innescare la bufera. In breve: perché pagare un assegno mensile a sei zero a una ex moglie che nulla, nella sostanza, ha fatto per accrescere il patrimonio familiare. Possono bastare i parametri del mantenimento del tenore di vita e l’impegno profuso per la cura e l’educazione dei figli a giustificare tanta pecunia? Per decenni il coniuge economicamente dominante, in passato era quasi sempre l’uomo, ha subito l’assalto congiunto di ex mogli, avvocati di lei e, pure, giudici. Sentenze salasso che, più che ispirate a un principio di equità, sembravano rifarsi a un principio di punizione.

Mariti che di punto in bianco, a matrimonio finito, si ritrovavano nella drammatica veste di nuovi poveri: via la casa, via buona parte dello stipendio e un tetto nuovo da cercare. Il tutto con esiti a volte tragici. Una Caporetto economica che ha messo sul lastrico tanti ex mariti e, di fatto, ha indotto molti, ad entrare nella categoria dei «separati in casa», gli impossibilitati economicamente a dire la parola fine al matrimonio. Poi i tempi, sia pure adagio adagio, sono cambiati, e il principio ispiratore dei giudici si è andato evolvendo con assegni meno capestro e lodevoli sollecitazioni al coniuge assistito a cercarsi un lavoro. Nel frattempo, il più debole dei due, a volte, era diventato il marito. Poi il caso Lario-Berlusconi che ha portato alla ribalta il problema che, per i comuni mortali, era invece solo un brusio soffocato e inascoltato.

Ma la svolta è arrivata con il cosiddetto caso Grilli. La sentenza dell’11 maggio 2017 della prima sezione della Cassazione sul divorzio fra l’ex ministro dell’Economia Vittorio Grilli e Lisa Caryl Loweinstein. Secondo quella sentenza, basata sul principio dell’autoresponsabilità, l’assegno non va più calcolato sulla base dello stile di vita avuto durante il matrimonio, ma sullla base dell’autosufficienza dell’ex coniuge. In sostanza, secondo i giudici: «Si deve superare la concezione patrimonialista del matrimonio inteso come sistemazione definitiva». Una decisione salutata trionfalmente dagli ex coniugi «pagatori» e con estrema mestizia dai «beneficiati». Ma come tutti sanno ogni sentenza fa storia a sé e può essercene il giorno dopo un’altra che afferma esattamente il contrario. Anche in Cassazione è accaduto più volte. Urgeva quindi una sentenza a sezioni unite che facesse chiarezza e diventasse un parametro di riferimento.

Questa sentenza è arrivata ma, almeno a un primo sguardo, non fa particolare chiarezza, tanto che c’è chi sostiene che è un passo indietro rispetto alla sentenza Grillo e c’è, al contrario, chi sostiene che la conferma «in toto». La sentenza delle sezioni unite (numero 18287) afferma: «Si deve adottare un criterio composito che tenga conto delle rispettive condizioni economico patrimoniali e dia particolare rilievo al contributo fornito dall’ex coniuge al patrimonio comune e personale, in relazione alla durata del matrimonio, alle potenzialità reddituali future ed alle età». La decisione aggiunge che all’assegno deve attribuirsi una funzione «assistenziale, compensativa e perequativa». Il criterio individuato, aggiunge la sentenza, si fonda «sui principi costituzionali di pari dignità e di solidarietà che permeano l’unione matrimoniale anche dopo lo scioglimento del vincolo». «Lo scioglimento del vincolo - afffermano ancora i giudici - incide sullo status ma non cancella tutti gli effetti e le conseguenze delle scelte e delle modalità di realizzazione della vita familiare».

In conclusione «l’adeguatezza dei mezzi deve essere valutata non solo in relazione alla loro mancanza o insufficienza oggettiva ma anche in relazione a quel che si è contribuito a realizzare».

Un commento a caldo? Su un tema così serio e delicato bisognerebbe andare con i piedi di piombo. Ma, a volersi sbilanciare, ci sembra il classico «colpo al cerchio e colpo alla botte». In pratica il principio di riferimento è così «generale» che difficilmente potrà cambiare qualcosa. Tutto resterà a discrezione del giudice di turno, Difatti, c’è già chi chiede un intervento, anche questo «risolutivo», del legislatore. E siamo punto e a capo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Le sfide della portualità pugliese

Le sfide della portualità pugliese

 
Il rilancio di Arcelor può salvare la partita

Il rilancio di Arcelor può salvare la partita

 
Il fattore Tria tra i mercati e i padroni del governo

Il fattore Tria tra i mercati e i padroni del governo

 
Il futuro dovrà chiudere la fiera delle vanità

Il futuro dovrà chiudere la fiera delle vanità

 
Testacoda spericolati sulla pelle dell'Europa

Testacoda spericolati sulla pelle dell'Europa

 
Colpevole di avere lavorato tutta la vita

Colpevole di avere lavorato tutta la vita

 
La giostra della Riforma fiscale un fallimento dopo l’altro

La giostra della Riforma fiscale un fallimento dopo l’altro

 
Ora un cultore di bilanci non un piazzista di sogni

Ora un cultore di bilanci non un piazzista di sogni

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS