Venerdì 20 Luglio 2018 | 18:49

Melfi, chi sciopera contro Ronaldo

Melfi, chi sciopera contro Ronaldo

Il manifesto a Melfi contro Ronaldo

Sulle prime pagine dei giornali dominava ieri l’acquisto di Cristiano Ronaldo (il Fenomeno, Cr7, chiamatelo come volete) da parte della Juventus.

Per la verità scarseggiavano i dettagli sportivi e abbondavano i «numeri» dell’affare (se di «affare» si tratterà): stipendio di 60 milioni lordi l’anno (fanno 30 netti) per i prossimi 4 anni; 105 milioni sono stati pagati per il «cartellino» al Real Madrid; 12 milioni al procuratore dell’asso brasiliano, Jorge Mendes, e ai suoi collaboratori, più qualche altro milioncino per le tutte le «spese accessorie». Alla fine un contratto che sfiorerà i 400 milioni.

I ragionieri del calcio, cifre alla mano, spiegano che in realtà la Juventus - al di là dei gol e dei risultati sportivi che potranno esserci (quanto vale una Champions?) - ha fatto un vero e proprio investimento che le permetterà di guadagnare fior di milioni. Già ieri il titolo è schizzato in Borsa arrivando ai massimi; poi, c’è l’effetto botteghino, con l’incremento di abbonamenti e biglietti; la vendita di magliette e di tutta la paccottiglia zebrata; la pubblicità sotto le sue molteplici sembianze. Il tutto - calcolano gli esperti - per circa 100-110 milioni d’incasso a stagione. Insomma un altro fiume di soldi.

Ed è proprio questo il punto: il fiume di soldi. Non tanto per quelle persone (in via d’estinzione) che si chiedono se sia moralmente accettabile questo vorticoso giro di denaro attorno a un’attività che, in fondo (molto in fondo), dovrebbe essere solo un gioco. Ma soprattutto per chi, in cassa integrazione o in solidarietà, deve mantenere la famiglia e non sa quale futuro l’aspetta. È la situazione in cui si trovano gli operai dello stabilimento Fca di Melfi. I quali hanno proclamato uno sciopero anti-Ronaldo da domenica sera a lunedì mattina. È difficile accettare che la tua azienda ti metta in Cig per sei mesi e poi la stessa azienda spenda 400 milioni per un bipede pallonaro. Hai voglia a spiegare che il mondo del calcio non è più quello del Borgorosso football club e che oggi è un’attività economica come un’altra. Sapere che dietro un pallone e due scarpini girano 400 milioni fa venire il sangue alla testa se non puoi comprare una maglietta a tuo figlio, se hai le bollette da pagare e se per il pranzo ti devi ancora appoggiare alle pensioni di suoceri e genitori.

È curioso pensare che se Ronaldo vale tanto e muove una barca di miliardi è anche grazie agli stessi scioperanti di Melfi. In quanti hanno vibrato e gioito per una delle stupefacenti giocate del fuoriclasse portoghese? Proprio quel tifo - insieme a quello di tutti gli altri estimatori - ha trasformato Ronaldo nel «Fenomeno», nel calciatore così celebrato e famoso da essere individuato con una sigla (Cr7) ricavata dalle sue iniziali e dal numero in squadra. Una fama meritata e iperpagata. Gli operai di Melfi sono in qualche modo le vittime che scoprono di aver «creato» il carnefice. Un carnefice raffinato, che non usa ferri roventi e macchine da tortura, ma semplicemente ti sbatte in faccia la sua ricchezza. Trenta milioni netti l’anno. Tiè. Fanno due milioni e mezzo al mese. Se distribuiti ai 5.857 lavoratori che fino a gennaio 2019 avranno, a rotazione, una riduzione del monte ore e della retribuzione, arrotonderebbero la busta paga mensile di 500 euro netti. Non male per chi, sudando per otto ore al giorno, notti e festivi compresi, guadagna - a pieno regime - sì e no 1.800 euro.

Senza contare che i veri ricchi nel mondo del pallone non sono i calciatori, che almeno sul campo devono correre e che hanno una stagione professionale piuttosto breve. I veri ricchi sono i procuratori: non sudano, non rischiano, fanno la bella vita per mantenere i rapporti con presidenti e calciatori, incassano subito la percentuale a prescindere da che cosa combinerà in campo il loro «gioiello», non hanno un limite fisico alla loro attività. A scapito dei tifosi, sono anche i primi a fomentare i cambi di casacca dei loro assistiti: ricordate tutta la vicenda Milan-Donnarumma dello scorso campionato? Il suo procuratore Rajola era proprio estraneo alla «voglia» del giovane portierone di cambiar squadra? Per ogni passaggio da un club all’altro loro incassano.

Ma questa è un’altra storia. Adesso occorre vedere se qualcuno spiegherà lo sciopero di Melfi a Ronaldo, così magari smette di andare in giro con i lobi delle orecchie coperti di diamanti. Il decoro non è solo capacità estetica, peraltro fiacca nel portoghese e in molti suoi colleghi. È anche non sbattere la ricchezza in faccia a chi sta alla fame ma ti permette di essere il «Fenomeno».
Michele Partipilo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Colpevole di avere lavorato tutta la vita

Colpevole di avere lavorato tutta la vita

 
La giostra della Riforma fiscale un fallimento dopo l’altro

La giostra della Riforma fiscale un fallimento dopo l’altro

 
Ora un cultore di bilanci non un piazzista di sogni

Ora un cultore di bilanci non un piazzista di sogni

 
Mattarella riaccende il gas: un faro illuminato su un Italia a luci spente

Mattarella riaccende il gas: un faro illuminato su un Italia a luci spente

 
Non perdere l'umanità è l’imperativo più forte

Non perdere l'umanità è l’imperativo più forte

 
Un «patto» per far rivivere lo sport che conta

Un «patto» per far rivivere lo sport che conta

 
Pd

Se Emiliano D’Alema e Renzi decidessero di salvare il Pd

 
Putin-Trump e sullo sfondo l'internazionale sovranista

Putin-Trump e sullo sfondo l'internazionale sovranista

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS