Domenica 24 Giugno 2018 | 03:34

Cecchinato saluta, ma non sarà una meteora della racchetta

Marco Cecchinato tennis

I sogni sinonimo di illusioni. O il preludio a qualcosa di grande. Il sogno come un’avventura. Un tuffo al cuore, le «mani» del coraggio, la spinta dell’incoscienza, il bisogno di quel pizzico di sana follia, l’energica ricerca di una nuova identità. Marco Cecchinato se n’è costruito uno tutto suo. Ambientato a Parigi, la patria del tennis su terra battuta.

Ospite al tavolo dei grandi della racchetta... a un certo punto s’è ritrovato, quasi, a capotavola. Gli altri in abito da sera, lui jeans e maglietta. Con gli occhi curiosi di chi non ci pensa nemmeno all’idea di poter essere di passaggio.
Marco il siciliano col sorriso contagioso. Il ragazzo che si è scrollato di dosso il fango e col fango ha costruito la sua corazza. Trasformando le sofferenze in valori, le cattiverie in motivazioni. Un mondo tutto suo, partendo da lontano ma sempre con il chiodo fisso del successo. Parigi resterà per sempre la «sua» città. A Parigi ha tolto il velo, si è mostrato a mani «nude», si è raccontato con un inequivocabile e incisivo linguaggio del corpo. Giorno per giorno, mattone su mattone. Le vittorie, i complimenti, l’autostima che cresce. Gestendo tutto con la maturità di un campione affermato. Non era facile, anzi. Una sola strada percorribile. Coraggio, tanto coraggio. E petto in fuori.

Cecchinato saluta ma, statene certi, vien difficile pensare a lui come a una meteora della racchetta. Ha perso contro Thiem, già. Ma questa è una sconfitta che vale quanto una vittoria. Nessun ridimensionamento, piuttosto nuove consapevolezze. A certi livelli può starci, eccome. Sul piano tecnico e finanche su quello emotivo. Nessun imbarazzo, solo tanta personalità. Come raccontano le quattro palle corte sbattute in faccia all’avversario in un tie-break «avvelenato». Quattro carezze, anzi quattro «pugni». Come a voler dire, «io sono qui e non ho paura».

Parigi terra di sogni. Ma il sogno del «Cek» non finisce qui. Non può finire qui. Non finirà qui. Speranze, anzi sensazioni. Dalla Francia con furore. Più forte, più sicuro, più ambizioso. Marco ha imparato dalle vittorie perché ha capito quanto il suo tennis possa essere produttivo. Ma saprà scoprire che quando non vinci impari. E di imparare, a certi livelli, non si finisce mai.
Quarantadue anni dopo quel fenomeno di Panatta. Quaranta dopo il soldatino Barazzutti. Brividi azzurri, sogni tricolori, occhi siciliani. Coraggio, «Cek». Guardati Parigi per un’altra notte, goditi i suoi profumi, sbircia nei suoi angoli ricchi di magia. E continua a giocare con l’allegria di un bambino che ha voglia di sognare. I sogni come strumenti, «scorciatoie» per il successo, sussulti fanciulleschi. Quelli di un italiano speciale che ha voglia di stupire ancora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

 
Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

 
festa della repubblica

Una Repubblica fondata sui (tele) raccomandati

 
Il buonismo visto da Vauro

Si fa presto a dire buonismo o cattivismo

 
Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

 
Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

 
Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

 
Grosso vuole il Verona ma occhio alla clausola

Il Grosso schiaffo ai tifosi del bari

 

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Economia TV
Incubo 'hard Brexit' a 2 anni dal voto, Airbus se ne va?

Incubo 'hard Brexit' a 2 anni dal voto, Airbus se ne va?

 
Mondo TV
Test sull'uomo dei farmaci viventi

Test sull'uomo dei farmaci viventi

 
Italia TV
Social network nemici del cervello

Social network nemici del cervello

 
Spettacolo TV
Uragano e pallottole in Alabama

Uragano e pallottole in Alabama

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero