Martedì 19 Giugno 2018 | 13:47

Potenza, il processo infinito di un eterno ingiudicabile

giustizia

È proprio il caso di dirlo: dia retta a un pazzo. Signor Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, se, come Lei ha detto in parlamento, è una priorità quella di porre rimedio a «processi che costano troppo e durano troppo a lungo» come ha dichiarato al Senato, ascolti la storia di Nicola, 90 anni, da oltre 50 in un istituto psichiatrico e da 27 nelle aule di giustizia per un’accusa di omicidio preterintenzionale.
Quell’appuntamento semestrale con un Gup che doveva prendere atto che «era incapace di stare in giudizio» come sentenziò per prima la Corte d’Assise di Potenza nel 1994, 3 anni dopo i fatti, si è potuto interrompere ieri solo grazie ad una riforma (autore l’ex ministro della Giustizia, Orlando) entrata in vigore nello scorso agosto e che ha introdotto una «ovvietà rivoluzionaria»: quando un imputato ha un vizio di mente permanente che gli impedisce di stare in giudizio, è inutile sospendere il procedimento per sei mesi (poi una nuova perizia e una nuova udienza) ma va estinto.

Il caso è proprio quello del 90enne lucano. Ventisette anni fa, quando già era ricoverato nell’Istituto Don Vincenzo Uva di Potenza, lui litigò con un altro paziente. I due erano ricoverati entrambi in infermeria e il compagno di camera aveva preso il vizio di stendersi sul letto di Nicola, di «invadere», anche qui inconsapevolmente, quel poco spazio di vita privata che si ha in questi posti. Ci fu un primo battibecco, poi la situazione si ripropose. Con un epilogo letale.

Nicola, all’epoca, non era giovanissimo, ma era decisamente molto più forte di adesso. Aveva quella forza che i pazienti dei reparti ortofrenici non riescono a controllare. Fatto sta che all’ennesima volta che il compagno si è risistemato sul suo letto, Nicola lo ha afferrato per la gola e ha stretto. Ha stretto con forza e ha continuato a stringere tanto forte da lasciare il malcapitato senza vita.

«Uomo avvisato mezzo salvato» ha spiegato inconsapevole di ciò che aveva fatto, insieme a un «chi pecora si fa il lupo se la mangia» che esprime tristemente le dinamiche e le convinzioni di certi ambienti. Fu così che Nicola venne trasferito, per un po’, allo spazio psichiatrico dell’Ospedale San Carlo, mentre le indagini portarono alla richiesta e alla decisione del rinvio a giudizio. E il processo partì e venne poi annullato dalla Corte d’Assise a fronte delle evidenti condizioni dell’uomo che altro non era in grado di ripetere che «uomo avvisato mezzo salvato» e «chi pecora si fa il lupo se la mangia».
Così, in quel triste gioco dell’oca che troppo spesso sono i fatti di Giustizia si torna all’udienza preliminare. E qui, in ossequio alle norme vigenti fino all’estate 2017, si è andati avanti per 23 anni di 6 mesi in 6 mesi, di perizia in perizia, di rinvio in rinvio, in attesa dell’improbabile miracolo che potesse far rinsavire quello che, diversamente, era destinato a restare un «eterno ingiudicabile». Già il processo è una pena, figuriamoci un processo che resti in piedi per decenni, anzi a oltranza.
Un problema per Nicola, anche se non si sa fino in fondo quanto ne avvertisse il peso. Un peso che, invece, restava tutto sui ruoli dell’ufficio con un appuntamento dall’esito scontato, ma inevitabile.

«La cosa paradossale - aggiunge l’avvocato Pasquale Ciola che ha seguito in questi anni Nicola con la pazienza e la dedizione che si può avere per un proprio caro (oltre che con lo stesso disinteresse economico, viste le condizioni dell’uomo) - è che mentre lui per 27 anni ha fatto i conti con un’imputazione, nessuno si è chiesto se nella struttura qualcuno doveva vigilare, essere presente, assicurare una sicurezza che non c‘è stata». Ma questa è un’altra storia. Sempre, però, di una Giustizia di cui a volte si fa fatica a comprendere le logiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

La tendopoli allagata del Palagiustizia di Bari

La Giustizia fa acqua ma non per la pioggia

 
Regione Campania - Il presidente Vincenzo De Luca

Sud, l'illusione fatale del postificio statale

 
onestà

Se dal discorso pubblico scompare la parola onestà

 
cellulari

Un freno agli smartphone tra i mini-utilizzatori

 
Grosso, da Bari a verona: un addio senza saluto

Grosso, da Bari a Verona: un addio senza saluto

 
salvini e di maio

La nuova stagione tra loquaci e laconici

 
frullatore digitale

Quell'Italia nata nel frullatore di Internet

 
Marco Cecchinato tennis

Cecchinato saluta, ma non sarà una meteora della racchetta

 

MEDIAGALLERY

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 
Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

 
Le emozioni di Vasco:Il meglio del sold out al San Nicola di Bari

Le emozioni di Vasco: il meglio del sold out al San Nicola di Bari

 
Corri di notte con la GazzettaIl 29 c'è la Bari Night Run T-Roc

La corsa notturna Vd
della «Gazzetta»
torna la Bari Night Run

 
Corri di notte con la GazzettaIl 29 c'è la Bari Night Run T-Roc

Corri la sera con la «Gazzetta»: il 29 giugno c'è la Bari Night Run Video

 
Taranto, truppe schierate sul Mar Piccolo: ecco la Battaglia tra Normanni e Bizantini

Taranto, ecco sul Mar Piccolo la Battaglia tra Normanni e Bizantini

 
Bari, treni in ritardo fino a due ore: l'attesa dei passeggeri sui piazzali della stazione

Bari, treni in ritardo fino a due ore: l'attesa dei passeggeri sui piazzali della stazione

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
La dipendenza da videogame ora e' ufficialmente malattia

La dipendenza da videogame ora e' ufficialmente malattia

 
Italia TV
Salvini apre il fronte rom: censimento e via irregolari

Salvini apre il fronte rom: censimento e via irregolari

 
Economia TV
Tesla: Musk scrive a dipendenti, c'e' un sabotatore

Tesla: Musk scrive a dipendenti, c'e' un sabotatore

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Meteo TV
Previsioni meteo per mercoledi', 20 giugno 2018

Previsioni meteo per mercoledi', 20 giugno 2018

 
Spettacolo TV
La scoperta interiore di Martino

La scoperta interiore di Martino

 
Calcio TV
Mondiali: Inghilterra batte Tunisia 2-1, oggi Russia-Egitto

Mondiali: Inghilterra batte Tunisia 2-1, oggi Russia-Egitto