Lunedì 25 Giugno 2018 | 14:11

Calcio

Bari, parlare chiaro resta la medicina migliore

x «Farò di tutto per aiutare la società»

Cosmo Giancaspro

Il Bari calcio non ha pagato quando avrebbe dovuto. Punto. La verità della giustizia sportiva, dopo due gradi di giudizio, è questa. Il presidente Mino Giancaspro ha depositato una «dichiarazione non veritiera» - si legge tra l’altro nelle carte - e non c'è traccia di un fido bancario che avrebbe dovuto coprire, alla scadenza prevista, la momentanea assenza di danaro sul conto.
E così la città del pallone, illusa, ferita e tradita, sarà costretta a seguire la partita dei biancorossi in televisione. Perché la capienza dello stadio del Cittadella è talmente piccola, da sembrare un giocattolo della Lego.

Le ombre, purtroppo, sembrano non abbandonare mai il patron del Bari, entrato in punta di piedi nel mondo del calcio e, forse, mai accettato fino in fondo dai baresi. Giancaspro non ha le doti del grande comunicatore, si sforza di essere simpatico. E non sempre ci riesce. Quando parla, resta intrappolato nelle parole, deve continuamente rimescolarle, nel tentativo di tranquillizzare tutto e tutti: «Il rischio penalizzazione? Una fake news. Notizie inventate. I tifosi possono stare tranquilli», disse, dopo settimane di assordante silenzio. Non era così.

E se adesso si gioca in trasferta, a causa della penalizzazione, con due dei tre risultati possibili contro le ambizioni del Bari, la colpa è di chi non ha pagato nei termini stabiliti. Nessun complotto, nessun tentativo di destabilizzare la società. A volte, è meglio un'amara verità che una dolce bugia.

C'era cascato anche capitan Basha, un po' infastidito per le domande sul rischio penalizzazione: «Noi aspettiamo la sentenza, se dirà che ci devono togliere i punti, avranno ragione i giornalisti che tirano sempre fuori il discorso».

La serie A non si conquista solo sul campo. La serie A va rafforzata e puntellata con una società all'altezza del palcoscenico sul quale esibirsi. I metodi e il linguaggio biancorossi troppe volte vanno nella direzione opposta. Lo stadio San Nicola è stato trasformato in una torre dorata. Il numero di cortigiani ha superato quello dei collaboratori: abbiamo perduto il conto degli addii (voluti o imposti), delle persone uscite da quella porta girevole diventata l'astronave di Renzo Piano. Tutto si accentra. La sindrome dell'uomo solo al comando crea più danni che consensi. L'entusiasmo si raffredda, l'indifferenza diventa poco a poco diffidenza, per uno spettacolo sempre meno divertente.

Ma ai playoff il Bari è comunque arrivato. E di questo non possiamo che essere contenti. È bene precisare, però, una serie di cose per chi ha la memoria corta.

È stato l'allenatore a decidere di non parlare più con la piazza, ma di scegliere la platea di Sky per le sue esternazioni (a sostenere la squadra al San Nicola ci vanno i telespettatori o i tifosi baresi?).
È stata la società - se si escludono le scontate e banali dichiarazioni prima di ogni partita - ad adottare la politica del semi-silenzio dei calciatori.

È stata la società a cambiare i punti di riferimento della comunicazione, come se fossero ciliegie da divorare, una dopo l'altra.
È stata la società a non firmare (sono trascorsi diversi mesi da quando è stato messo tutto nero su bianco) gli accordi per dare la possibilità alla città del pallone di conoscere meglio i protagonisti dell'avventura biancorossa, attraverso interviste, racconti, chiacchierate, incontri.

L'elenco dei divieti è lungo e potrebbe continuare ancora.

Poi, c'è il capitolo della solidità economica, presupposto indispensabile per un futuro roseo. A Paparesta - come un tormentone - si chiedeva conto sulla provenienza dei soldi, linfa vitale se una società vuole volare alto. Sappiamo tutti come è andata a finire.

Giancaspro, sotto questo punto di vista, risveglia i fantasmi. Le cicatrici, mai rimarginate, tornano a bruciare. Dubbi legittimi anche alla luce delle inchieste sull'imprenditore molfettese.

Ad aggiungere un pizzico di incertezze in più, c'è il duello a distanza degli alleati di convenienza di ieri, i carissimi nemici di oggi, impegnati a muoversi tra crepe e debolezze di leggi e regolamenti. Forse più una guerra psicologica che un attacco al castello dorato.

Ma chi ha a cuore la Bari, come si dice dalle nostre parti, ha il dovere di guardare avanti, di non voltarsi indietro. Questo significa assunzione di responsabilità, misurare le parole, a prescindere da cosa deciderà la roulette dei playoff. Giancaspro ha promesso che il progetto non si fermerà, che Sogliano e Grosso resteranno ai loro posti, che costruirà una squadra da vertice perché «il Bari in B deve puntare al massimo, non può pensare ad una salvezza decorosa». Saprà mantenere tali garanzie? Meglio un'amara verità di una dolce bugia. Parlare chiaro rimane la medicina migliore.
Gaetano Campione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

 
Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

 
festa della repubblica

Una Repubblica fondata sui (tele) raccomandati

 
Il buonismo visto da Vauro

Si fa presto a dire buonismo o cattivismo

 
Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

 
Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

 
Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

 
Grosso vuole il Verona ma occhio alla clausola

Il Grosso schiaffo ai tifosi del bari

 

MEDIAGALLERY

Compirono omicidio nel 2014, due arrestati a Bari

Compirono omicidio nel 2014, due arrestati a Bari

 
Prove tecniche aspettando papa Francesco a Bari

Prove tecniche aspettando papa Francesco a Bari

 
Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 

LAGAZZETTA.TV

Meteo TV
Previsioni meteo della settimana

Previsioni meteo della settimana

 
Mondo TV
Il massaggio tradizionale thailandese, tecnica che ha 2500 anni

Il massaggio tradizionale thailandese, tecnica che ha 2500 anni

 
Economia TV
Mossa (Banca Generali): volatilita' mercati legata a algoritmi

Mossa (Banca Generali): volatilita' mercati legata a algoritmi

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Italia TV
Ucciso da bomba in auto nel Vibonese, 6 fermi

Ucciso da bomba in auto nel Vibonese, 6 fermi

 
Spettacolo TV
Kidman e Farrell, coppia da horror

Kidman e Farrell, coppia da horror

 
Calcio TV
La Colombia travolge ed elimina la Polonia

La Colombia travolge ed elimina la Polonia

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea