Martedì 19 Giugno 2018 | 23:46

Fra lentezze del passato e «distrazioni» romane

Fra lentezze del passato e «distrazioni» romane

«Complesso di tende per abitazione e per servizi allestito come residenza provvisoria di popolazioni colpite da calamità e costrette all’abbandono delle case»: questa la definizione di un noto dizionario della lingua italiana per la parola «tendopoli».

Al posto delle civili abitazioni metteteci il Palazzo di giustizia di via Nazariantz a Bari, «provvisorio» doveva essere anche quello no?, e considerate che gli sfollati hanno fior di lauree in Giurisprudenza e concorsi e titoli per esercitare il Diritto nel capoluogo pugliese, e il gioco dell’amministrazione disastrosa delle «Case della Legge» baresi è fatto.
Ma non è stato un sisma - quello sì imprevedibile - a creare il «camping delle udienze» (molte rinviate per motivi di scarsa agibilità) a pochi passi dal cimitero monumentale (almeno quelle sono sedi «definitive»), bensì una prevedibilissima e malgestita «emergenza Giustizia» che mai in questi anni ha visto un essenziale e autentico scatto di buona volontà, accompagnato da sagge politiche della Cosa Pubblica, che risolvesse i gravi problemi strutturali che incombevano sulle toghe locali.

Si sono sprecati in tutto questo tempo i dibattiti sulla «Cittadella della giustizia», su previsioni e ipotesi, a margine di vertenze giudiziarie lasciate in eredità dall’Amministrazione di Michele Emiliano, senza mai essere riusciti da parte degli amministratori locali (grazie anche all’occhio disattento di Roma) a fornire soluzioni rapide, concrete e definitive alla crisi strutturale degli edifici destinati a ospitare Tribunali, Preture, Corti & affini.

Ma è il suo successore, il renziano Antonio Decaro, a vedersi adesso scoppiare fra le mani la mina a tempo (è il Comune infatti chiamato ancora oggi a indicare possibili sedi giudiziarie al ministero) del pericolo di crollo del «provvisorio» palazzone di via Nazariantz che nella galleria dei ricordi ha fra le tante storie cittadine quelle delle «cene» con le «escort» del fu presidente Silvio Berlusconi. Certo, è il Guardasigilli ad avere ora l’obbligo di risolvere l’emergenza e garantire l’amministrazione ordinaria di un servizio pubblico essenziale, ma i poteri locali sono chiamati a concorrere nella soluzione «abitativa». Quel palazzo dell’Inail che ora si è scoperto inagibile è stato, evidentemente, anche costruito male. E il sindaco metropolitano invoca la dichiarazione dello «stato d’emergenza» per individuare rimedi «eccezionali e in tempi brevi». Una corsa contro il tempo che rimedi in gran fretta a difetti di programmazione e progettualità. Anche perché la calura sotto le tende si fa sentire sempre di più e i tempi dei processi, già in arretrato strutturale cronico, accumulano nuovi posticipi.

Sì: occorre ora, e senza più indugi e veti incrociati, uno scatto di reni che rilanci l’immagine di una città che aspira al «parterre» delle metropoli più prestigiose della Penisola. Perché per come qui si è ridotta la Giustizia, un’assoluzione seppure in appello è sempre più difficilmente ipotizzabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

La questione «capitale»? Istituzioni non leadership

La questione «capitale»? Istituzioni non leadership

 
Il banco di prova per il nuovo Governo

Il banco di prova per il nuovo Governo

 
Le grandi ancora «fredde», il Mondiale russo non scalda

Le grandi ancora «fredde», il Mondiale russo non scalda

 
La tendopoli allagata del Palagiustizia di Bari

La Giustizia fa acqua ma non per la pioggia

 
Regione Campania - Il presidente Vincenzo De Luca

Sud, l'illusione fatale del postificio statale

 
onestà

Se dal discorso pubblico scompare la parola onestà

 
cellulari

Un freno agli smartphone tra i mini-utilizzatori

 
Grosso, da Bari a verona: un addio senza saluto

Grosso, da Bari a Verona: un addio senza saluto

 

MEDIAGALLERY

Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 
Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

 
Le emozioni di Vasco:Il meglio del sold out al San Nicola di Bari

Le emozioni di Vasco: il meglio del sold out al San Nicola di Bari

 
Corri di notte con la GazzettaIl 29 c'è la Bari Night Run T-Roc

La corsa notturna Vd
della «Gazzetta»
torna la Bari Night Run

 
Corri di notte con la GazzettaIl 29 c'è la Bari Night Run T-Roc

Corri la sera con la «Gazzetta»: il 29 giugno c'è la Bari Night Run Video

 

LAGAZZETTA.TV

Italia TV
Casa abusiva abbattuta a Carmagnola

Casa abusiva abbattuta a Carmagnola

 
Calcio TV
Heysel, le storie di due superstiti Ferlat e Paradiso

Heysel, le storie di due superstiti Ferlat e Paradiso

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Mondo TV
Domenica la Turchia al voto, Erdogan cerca lo sprint

Domenica la Turchia al voto, Erdogan cerca lo sprint

 
Economia TV
'Chi sono i rider': 50% studenti,1 su 3 lavoratori

'Chi sono i rider': 50% studenti,1 su 3 lavoratori

 
Meteo TV
Previsioni meteo per mercoledi', 20 giugno 2018

Previsioni meteo per mercoledi', 20 giugno 2018

 
Spettacolo TV
La scoperta interiore di Martino

La scoperta interiore di Martino