Lunedì 25 Giugno 2018 | 12:07

Quella figlia di nome «Blu»

neonata

Era il 1910 e il parroco di Carpignano si rifiutava di battezzare la creatura. Nerina. I genitori l'avevano chiamata Nerina. «Giammai! Richiama Nerone, l'imperatore che bruciò i cristiani», disse il prete. «Ce uei la battezzi, se no me la porto arretu», intimò il padre. E la trattativa in qualche modo si chiuse.

Ma che la Chiesa abbia sempre avuto qualcosa da ridire su nomi diversi da santi, salvatori e madonne, è noto a tutti, singolare che sia un Tribunale a sindacare sui nomi scelti dai genitori per i propri figli. Eppure accade. A Milano. Con un giudice a cui non piace che una bambina si possa chiamare Blu. O magari il nome gli piace, ma in quanto giudice è chiamato ad applicare la legge, l’articolo 35 del Dpr 396/2000, in particolare, che recita : «Il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso». Parentesi: in Italia non contenti della legiferazione ipertrofica ci mettiamo anche a scrivere decreti sull'onomastica. Chiusa parentesi.

Blu. I genitori lo hanno scelto per personalissime suggestioni: i chakra, l’armonia, l’infinito. E più d'uno, mentre il caso divampa, si sta ripetendo: sarò anche libero di chiamare i miei figli come diavolo mi garba. Ma l’Italia è il Paese dove la burocrazia può assumere tinte surreali ed ecco che i poveri genitori di Blu vengono convocati per indicare un nome esplicitamente femminile da anteporre a quello che nel frattempo è stato stampato sull’atto di nascita e sul passaporto della piccolina. «Se non ci presenteremo con un’alternativa sarà il giudice a decidere per noi il nome di nostra figlia», ha fatto sapere la coppia. E metti che il magistrato è devotissimo e la piccola Blu si trasforma in Addolorata, Sterpeta, Crocifissa o Trofimena! Oppure amante delle tragedie greche pronto a infliggere a una bimba nomi pesantissimi come Medea, Diotima e Antigone.

La legge sull’anagrafe in ogni caso è categorica: il nome deve indicare chiaramente il sesso. Quindi potete chiamare un figlio maschio Diegoarmandomaradona e una femminuccia Jenniferlopez e nessuno avrà niente da dire (forse soltanto i suddetti figli che una volta cresciuti avranno legittimamente la facoltà di mandarvi a quel paese).

Al di là dell’ironia c’è, in questa vicenda, un’eco hobbesiana di un sovrano (lo Stato?) che ha un potere illimitato sui diritti naturali di tutti i cittadini. Presumibilmente, l’innocua scelta di un nome potrebbe risolversi in un braccio di ferro giurisprudenziale come a suo tempo il caso di «Andrea», che più di un Tribunale provò a bocciare come nome femminile fino a quando a sdoganarlo fu addirittura la Corte di Cassazione. Sempre perché ingolfare ulteriormente la macchina della giustizia è un esercizio che ci riesce molto bene.

Ma, attenzione, l’Italia non è l’unico Paese a invadere la sfera familiare: in Francia è vietato dare a un figlio nomi quali Nutella, Fragola, Demonio, Principe William, Mini Cooper; in Germania è ovvio che non si possa chiamare un neonato Adolfhitler ma è sorprendente che non si possano usare nemmeno Kohl e Merkel. In Islanda quasi la metà dei nomi presentati viene rifiutata, il Portogallo ha un elenco di nomi di 82 pagine che indica preventivamente quali sono accettati e quali no e in Svezia non si può chiamare la propria bambina Ikea. E ora ci siamo anche noi, alla faccia di Modugno e del suo blu dipinto di blu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

 
Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

 
festa della repubblica

Una Repubblica fondata sui (tele) raccomandati

 
Il buonismo visto da Vauro

Si fa presto a dire buonismo o cattivismo

 
Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

 
Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

 
Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

 
Grosso vuole il Verona ma occhio alla clausola

Il Grosso schiaffo ai tifosi del bari

 

MEDIAGALLERY

Prove tecniche aspettando papa Francesco a Bari

Prove tecniche aspettando papa Francesco a Bari

 
Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Mondo TV
Italiana fermata in Turchia

Italiana fermata in Turchia

 
Italia TV
Ucciso da bomba in auto nel Vibonese, 6 fermi

Ucciso da bomba in auto nel Vibonese, 6 fermi

 
Economia TV
Stati Uniti contro il piano "Made in China 2025"

Stati Uniti contro il piano "Made in China 2025"

 
Spettacolo TV
Kidman e Farrell, coppia da horror

Kidman e Farrell, coppia da horror

 
Calcio TV
La Colombia travolge ed elimina la Polonia

La Colombia travolge ed elimina la Polonia

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea