Domenica 24 Giugno 2018 | 22:07

Il buon gusto è una virtù specie in un'aula scolastica

«La scuola non è una spiaggia e si deve andare in aula vestiti in modo adeguato». Il tormentone non passa d'attualità, ma la circolare di qualche dirigente scolastico accende gli animi

È accaduto anche al liceo scientifico «Scacchi» di Bari

Liceo scientifico «Scacchi», corso Cavour, 241 a Bari

Liceo scientifico «Scacchi» di Bari

«La scuola non è una spiaggia e si deve andare in aula vestiti in modo adeguato». Il tormentone non passa d’attualità, ma, periodicamente, la circolare di qualche dirigente scolastico accende gli animi. Succede anche in questi giorni, dopo le iniziative di alcuni capi d’istituto che hanno proibito o raccomandato agli studenti di evitare look «estremi».

È accaduto anche al liceo scientifico «Scacchi» di Bari dove, quello che una volta veniva chiamato «il preside», Giovanni Magistrale, ha inviato una circolare che ricordiamo e riproponiamo: «Con il sopraggiungere delle giornate calde si verifica di frequente che molti studenti siano tentati di allentare per comodità i freni inibitori relativi all’abbigliamento, e così capita di assistere talora alla visione di nudità ascellari e inquinali, di pancini scoperti, gambe pelose maschili in mostra, sandali infradito, canottiere succinte, e altro genere balneare». Lo stesso dirigente nel tentativo di limitare le polemiche ha precisato che «le sue raccomandazioni non vengono da un sussulto di puritanesimo vittoriano, ma dalla constatazione che comportamento e abbigliamento sono sempre in rapporto alle circostanze e ai luoghi: una cosa è la spiaggia, un’altra è una chiesa. La scuola non è una spiaggia, certo non è nemmeno una chiesa, ma ci va molto vicino, se è vero che culto e cultura hanno la stessa radice, e la scuola è sede di quel culto laico che è rappresentato dal sapere, dall’insegnamento, dall’educazione». La direttiva del preside Magistrale è stata contestata come pure non sono piaciute quelle degli altri colleghi che la pensano come lui. Tanto che alcuni, e non solo studenti, hanno parlato, con enfasi eccessiva, di limitazione alla libertà personale di esprimersi anche attraverso l’abbigliamento.

Il preside Magistrale e gli altri sodali hanno esagerato con il rigore? Non ci sembra. Nessuno pensa di mettere i mutandoni alle statue «nude», anche se talvolta, pur per altre ragioni, questo accade ed è capitato spesso anche nel passato. Ma, se ci si guarda intorno, il desiderio di una «regolatina» non sarebbe una cosa del tutto sbagliata. Non per l’offesa alla pubblica morale, naturalmente, ma per l’offesa al buon gusto. Certo. quest’ultima non è contemplata dai codici, però...

Basta qualche sguardo per strada ma anche negli uffici pubblici e privati, negli ospedali, nei tribunali e ovunque si voglia. Non è tanto un problema di centimetri, coperti o scoperti che siano, ma di decoro e buona educazione, termini trapassati e politicamente scorretti ma, chissà, evocarli ogni tanto magari non guasta. Come insegna l’Ecclesiaste c’è un tempo per ogni cosa, ma c’è anche un abbigliamento per ogni circostanza. Se ciabatte, short e magliettine vanno benissimo in spiaggia, stonano certamente in un ufficio e naturalmente a scuola, per tornare al punto di partenza. Certo la preparazione di uno studente o di un professore (perché anche loro non sono esenti da abbigliamenti fuori luogo) non si misura dal modo di vestire, ma un po’ di attenzione non guasterebbe. Ci sono paesi, non pochi, dove a scuola si va con una sorta di uniforme. Non c’è bisogno di arrivare a tanto, ma un po’ di riguardo verso il prossimo non è poi sbagliato. E non c’è bisogno di parlare di attentato alla libertà personale o, alla Costituzione. La libertà è una cosa molto più seria e importante per essere tirata in ballo in simili diatribe. Semplicemente riscopriamo il buon gusto. In fondo, lo stile italiano è da sempre famoso nel mondo. Non roviniamolo indossando fuori tempo massimo una canottiera traforata e le infradito di gomma. «Lo stile non è solo apparenza ma il contenuto con tutti i simboli visibili ad esso corrispondenti» Lo scriveva nel secolo scorso Nikolaj Ivanovic Bucharin, non un dandy decadente, ma uno dei padri della rivoluzione russa, poi travolto anche lui, fra i tanti, dalle purghe staliniane. Forse ogni tanto bisognerebbe ricordarsi delle parole di Bucharin. In fondo, Lenin lo definiva «il figlio prediletto del partito». Non un reazionario.

Corso Cavour, 241, 70121 Bari BA, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

Il Mare Nostrum dei migranti morti sognando l'Europa

 
Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

Il ritorno dei fantasmi contro la scienza

 
festa della repubblica

Una Repubblica fondata sui (tele) raccomandati

 
Il buonismo visto da Vauro

Si fa presto a dire buonismo o cattivismo

 
Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

Si parla di Ilva a Bruxelles: stop al carbone e resti aperta

 
Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

Reazionari e progressisti nell’Italia giallo-verde

 
Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

Oggi al via gli esami. A Bari zuffa bocciati

 
Grosso vuole il Verona ma occhio alla clausola

Il Grosso schiaffo ai tifosi del bari

 

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Italia TV
Topi tra i cassonetti al centro di Roma

Topi tra i cassonetti al centro di Roma

 
Mondo TV
Saudite al volante: finalmente indipendenti

Saudite al volante: finalmente indipendenti

 
Economia TV
In aziende appena 5% donne al top stipendi

In aziende appena 5% donne al top stipendi

 
Calcio TV
Baresi e Albertini al memorial Freti

Baresi e Albertini al memorial Freti

 
Spettacolo TV
Fuga dall'isola del Diavolo

Fuga dall'isola del Diavolo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea