Lunedì 25 Giugno 2018 | 16:04

sino a domenica 29

Una domenica sul mare
Monopoli riscopre i gozzi

La Pro Loco propone le gite con i pescatori

gozzo monopoli

di EUSTACHIO CAZZORLA

MONOPOLI - «Gozzovigliando» risveglia l’anima marinara di un intero territorio. I gozzi sono usati come gondole con i pescatori al timone e i turisti che affluiscono numerosi. La città mette una seria ipoteca sulla destagionalizzazione in questo periodo dell’anno. Su quali basi? Sulla rarità di un modo di navigare, pescare e vogare, che viene da lontano.

I veneziani hanno imparato dai bizantini a fare le barche. I gozzi erano la barca di servizio delle tartane e lungo l’Adriatico la loro forma si è evoluta a seconda del luogo di costruzione e dell’impiego. Con una sola certezza. Le sue misure sono ancora in palmi napoletani e per la costruzione servono «maestri d’ascia» e non ci si affida a un progetto ma a garbi e sagome.

È una barca che non teme il mare e nemmeno lo scorrere del tempo. Forse in questo consiste il fascino di salirvi a bordo.

L’occasione si può sfruttare sia oggi, domenica 22 ottobre (dalle 10 alle 13 e dalle 15,30 alle 18,30) sia domenica 29 ottobre (solo al mattino). L’organizzazione è a cura della Pro Loco «Perla di Puglia» e del Gac «Mare degli ulivi» con l’assessorato comunale alle risorse produttive. L’evento «Gozzovigliando» è inserito nel più ampio programma di «Sulle vie del mare».

Il segreto di questa barca è nel suo peso e nel legno che si utilizza: mogano, pino russo e legni tropicali. Il gozzo è un po’ come le polpette in cucina, il frutto di un lavoro di recupero. Perché nasce da tutti quei ritagli che i maestri d’ascia mettono da parte quando costruiscono i più grossi pescherecci. Legni e colori avanzati.

Nel giro di poco tempo i gozzi sono diventati anche il simbolo cittadino e vecchi artigiani li creano in miniatura per i turisti.

L’arte dei gozzi, nel barese, resiste solo qui a Monopoli. Li costruiscono nel Salento a Gallipoli e in qualche altro posto. Sono diversi da quelli di questa zona, spesso costruiti proprio a Monopoli dai due laboratori, quello di Nicola Lafronza e quello di Antonio Saponara, nonno e nipote stesso nome e stesso mestiere. Antonio senior ha 81 anni e una vita spesa fra legni, chiodi, colori. Antonio junior è fiero di avere imparato l’arte dal nonno, ma anche dal padre Vincenzo, più dedito a costruire i pescherecci. I Saponara sono la conferma che il gozzo non è solo un prodotto dell’artigianato ma un’arte che si tramanda di padre in figlio. E i gozzi monopolitani sono diversi da quelli di altre zone, del Leccese, più simili a barche da lago. Perché in Salento non ci sono forti correnti e la chiglia può essere quasi piatta e la prua più bassa.

I gozzi di Lafronza sono con prua a becco d’anatra, quelli dei Saponara sono con la forcella a corna e soprannominati «le cornute». Antonio Saponara junior assicura che la forcella è il marchio di famiglia: «Serve per remare con un remo solo, come una gondola, e il remo funge anche da timone». Il gozzo si misura ancora in palmi napoletani (26 centimetri), non in metri e può essere lungo da 13 a 18 palmi (3,5, massimo 4,8 metri) con prua e poppa a cuneo. A Monopoli sono blu e rossi in onore ai colori della Madonna della Madia, protettrice della città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MEDIAGALLERY

Compirono omicidio nel 2014, due arrestati a Bari

Compirono omicidio nel 2014, due arrestati a Bari

 
Prove tecniche aspettando papa Francesco a Bari

Prove tecniche aspettando papa Francesco a Bari

 
Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
A bordo della Lifeline, "libici non rispondono"

A bordo della Lifeline, "libici non rispondono"

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Meteo TV
Previsioni meteo della settimana

Previsioni meteo della settimana

 
Economia TV
Mossa (Banca Generali): volatilita' mercati legata a algoritmi

Mossa (Banca Generali): volatilita' mercati legata a algoritmi

 
Italia TV
Ucciso da bomba in auto nel Vibonese, 6 fermi

Ucciso da bomba in auto nel Vibonese, 6 fermi

 
Spettacolo TV
Kidman e Farrell, coppia da horror

Kidman e Farrell, coppia da horror

 
Calcio TV
La Colombia travolge ed elimina la Polonia

La Colombia travolge ed elimina la Polonia

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea