Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 08:37

musica

Il 15 giugno al Petruzzelli
il trio Tchaikovsky per sinfonica

interno teatro petruzzelli

BARI - Il Trio Tchaikovsky, considerato un punto di riferimento nel panorama internazionale della musica da camera, sarà il protagonista del nuovo appuntamento della stagione sinfonica della Fondazione Petruzzelli, il 15 giugno prossimo. La formazione, nata a Mosca nel 1975, è attualmente composta da Pavel Vernikov (violino), Alexander Chaushian (violoncello) e Konstantin Bogino (pianoforte). Per l’occasione - si informa con un comunicato - l’Orchestra del Teatro Petruzzelli sarà diretta dal maestro Alpesh Chauhan. Il concerto propone un programma dedicato a Ouverture dal 'Flauto magicò di Wolfgang Amadeus Mozart, Concerto triplo in do maggiore per pianoforte, violino, violoncello e orchestra op. 56 di Ludwig van Beethoven e Sinfonia n. 4 in fa minore op. 36 di Pët

Alpesh Chauhan è direttore principale della Filarmonica Arturo Toscanini dalla stagione 2017/18. Nell’estate 2016 ha fatto la sua prima apparizione ai Bbc Proms, dirigendo due dei Ten Pieces Concerts con la Bbc Philharmonic Orchestra, sulla scia del film Ten Pieces Secondary che aveva registrato con l'orchestra nell’estate 2015. A breve farà il suo debutto negli Usa con l’Alabama Symphony Orchestra e nel gennaio 2017 ha debuttato con la London Symphony Orchestra al Barbican Centre, dirigendo Morte e Trasfigurazione di Richard Strauss e il Primo Concerto per pianoforte di Brahms con Benjamin Grosvenor.


Il Trio Tchaikovsky considerato un punto di riferimento nel panorama internazionale della musica da camera, nasce a Mosca nel 1975 dall’incontro artistico di Pavel Vernikov, Konstantin Bogino e Anatoly Liberman. Nel 2009 il violoncellista Alexander Chaushian è stato invitato quale successore di Liberman. Nei primi anni di attività il trio ha suonato nei maggiori centri di Francia, Italia, Giappone, Stati Uniti e Canada e nel 1979 si è stabilito in Europa. Tra le numerose sale in cui ha suonato figurano Wigmore Hall di Londra, Teatro alla Scala di Milano, Salle Gaveau e Musée d’Orsay di Parigi, Herkulessaal di Monaco, Carnegie Hall e Lincoln Centre di New York, Concertgebouw di Amsterdam, Art Centre di Seoul, Conservatorio di Mosca e St. Petersburg Philharmonic. Pavel Vernikov suona il violino Guadagnini 'Ex Contessa Crespi ex Brengolà (1747), messo a disposizione dalla Fondazione Pro Canale Milano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400