Cerca

Domenica 20 Agosto 2017 | 23:09

ad ostuni

«Giganti di Puglia»
il concorso aperto
fino al 31 marzo

ulivi giganti

foto Millenari di Puglia

OSTUNI - Dovranno essere inviati entro il prossimo, 31 marzo, le 5 foto dell’ulivo e il modulo per partecipare alla prima edizione del premio «Giganti di Puglia» che consentirà ogni anno di valorizzare un ulivo millenario diverso, che si distinguerà dagli altri sia per dimensioni e forma che per stato di conservazione, produttività e valore culturale. Il riconoscimento, quale miglior ulivo monumentale dell’anno, verrà consegnato al proprietario dell’albero in quanto custode di un patrimonio della comunità.
Il concorso è attivato dall’associazione «Millenari di Puglia» che, da alcuni anni, è impegnata nella valorizzazione del territorio attraverso l’organizzazione di escursioni in natura. Per poter partecipare al concorso occorrerà compilare il modulo e inviarlo per e-mail insieme ad almeno 5 foto ad alta risoluzione dove in almeno una foto ci sia una persona come riferimento per valutare la dimensione dell’albero. Le foto potranno essere presentate in formato digitale via mail insieme al modulo di candidatura a info@millenaridipuglia.com.

Dopo quasi due mesi dall’inizio del concorso, un primo bilancio vede giunte candidature candidature provenienti dal Salento, altri dalla provincia di Brindisi come l’ulivo «delle tre sorelle» di Masseria Mozzone e il grande ulivo di Carovigno, a due passi dal centro abitato.
Grande attenzione merita «il Barone» di Masseria Fellicchie in agro di Manduria, uno dei più grandi e produttivi ulivi della provincia di Taranto. Della provincia di Bari è candidato al premio l’ulivo di Corato, un ulivo gigante della varietà coratina, mentre dall’area del Gargano, è pervenuta la candidatura di un ulivo soprannominato «il Colosso» che si trova in una campagna della piana di Mattinata in provincia di Foggia.

I criteri stabiliti per la valutazione della candidatura al premio «Giganti di Puglia» sono: la dimensione, l’età stimata, lo stato di conservazione, la produzione stimata e il suo valore estetico, storico e culturale. Non si tratta di una competizione vera e propria; ogni anno verrà premiato un solo ulivo che diverrà testimonial dell’enorme patrimonio naturale e culturale della Puglia che spesso ignoriamo.
Il premio simbolico ad un ulivo darà comunque risalto a tutti ed in particolare sarà un’occasione per sottolineare l’importanza del lavoro di conservazione e tutela dei singoli proprietari nel preservare questo patrimonio vivo della cultura pugliese oltre che mediterranea.
La giuria sarà composta da tecnici, esperti botanici e artisti che hanno fatto dell’ulivo il soggetto principale delle loro opere. A far parte del team oltre ad Enzo Suma, guida naturalistica, fotografo di ulivi e fondatore di Millenari di Puglia, ci sarà la pirografa dell’ulivo, Silvana Bissoli; il noto botanico e professore dell’Università del Salento, Piero Medagli; il naturalista Roberto Gennaio e il forestale e guida di Millenari di Puglia, Guido Palma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400