Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 13:24

costume

«Tu ti sposi e noi
badiamo al tuo cane»

weddind dog sitter cani matrimonio

di RITA SCHENA

BARI - No, non fanno sposare i cani come si potrebbe pensare sentendo di sfuggita la loro professione, invece fanno sposare con più tranquillità i padroni dei cani, permettendo anche agli amici a quatto zampe di condividere la felicità di un giorno così importante come il matrimonio.
Silvana Patruno ed Emanuela De Gennaro sono due «wedding dog sitter» di Corato che stanno facendo della loro passione per gli animali un lavoro a tempo pieno. Da un paio di anni hanno avviato una associazione, la Pet Service di Corato, con la quale hanno cominciato non solo ad occuparsi di curare animali loro affidati a pensione, ma di fornire un servizio di dog sitter anche per il giorno delle nozze.

«Questo tipo di attività è molto richiesta nel nord Italia – spiegano – ma da noi abbiamo scoperto non esisteva. Abbiamo cominciato aiutando le coppie di amici e sta diventando un vero lavoro, che in più ci permette di seguire la nostra passione».
Silvana ed Emanuela la cura per i quattro zampe l'hanno nel sangue: da anni sono volontarie nel canile sanitario di Corato e grazie alla loro empatia riescono ad entrare facilmente in confidenza anche con i cani più diffidenti. «Ci aiuta molto la nostra esperienza decennale – raccontano – e riuscire bene e far felici gli altri ci gratifica molto, altrimenti non ci si potrebbe dedicare anima e corpo per tante ore al lavoro».
I matrimoni, specie nel Sud, sono delle autentiche maratone, gestire per quasi una intera giornata uno o più animali è un impegno notevole, ma sempre più spesso le coppie scelgono di non abbandonare il loro cane e di portarlo al ricevimento: a questo punto Silvana ed Emanuela diventano indispensabili.
«Il cane ormai è un membro della famiglia a tutti gli effetti e, soprattutto il giorno del matrimonio, non può essere lasciato a casa, ma deve intervenire come ospite d'onore – spiega Emanuela -. Certo il “vestirlo” come fosse un bambino o semplicemente portarlo insieme è una scelta degli sposi, ma è sempre l'amore che muove tutto».

«Molte sono le famiglie con un cane in casa – evidenzia Silvana -, dovendo mancare una intera giornata per una cerimonia lunga come il matrimonio, si è quasi obbligati o a lasciare solo in casa l'animale, o chiuderlo in una pensione, noi permettiamo che questo non avvenga. E non solo per il cane degli sposi, gestiamo anche i cani di parenti ed amici invitati, proprio come si farebbe con i bambini».
«La prima cosa della quale mi sono preoccupata quando io e il mio compagno abbiamo deciso di sposarci è stata: i nostri bimbi! Portarli con noi ha reso il nostro matrimonio la favola che sognavamo» si legge sul profilo facebook dell'associazione da parte di una coppia entusiasta.

Ma un cane ad un ricevimento è sempre compatibile? Silvana ed Emanuela ridono: «Abbiamo avuto a che fare con animali dal carattere forte che hanno rischiato con la loro irruenza di far crollare il gazebo su sposi ed invitati, ma non ci sono mai stati problemi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400