Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 08:01

Lettere alla Gazzetta

Molti scivoli non sono utilizzabili

Osservando i marciapiedi delle strade del mio rione verrebbe spontaneo plaudire alla sensibilità dell’Amministrazione Comunale; molti di essi sono muniti di «scivoli», ben individuabili per la pavimentazione in mattoni rossi e la delimitazione con tre paletti metallici.

Valida soluzione per facilitare la vita ai cittadini disabili, a genitori e nonni che conducono i marmocchi nei passeggini ed anche a chi torna a casa trascinando il pesante carrello della spesa...

Purtroppo anche questa realizzazione, di indubbia utilità sociale, in realtà denuncia il difetto comune a tante altre: soddisfa soltanto l’aspetto formale.

Una breve passeggiata è sufficiente per constatare come buona parte degli scivoli non sia utilizzabile, perché ostruita da automezzi in sosta.

La prima considerazione riguarda la insensibilità e la mancanza di buon senso di quegli automobilisti; la seconda concerne il fatto che l’evidente irregolarità non viene in alcun modo rilevata e contestata.

Mi è capitato di chiedere lumi ai componenti una pattuglia della Polizia Locale, di solito solerti nel multare chi impegna con le ruote delle vetture strisce pedonali o parti di marciapiede.

La risposta ottenuta mi ha lasciato ancora più... al buio: «Quelle auto non si possono sanzionare poiché gli scivoli non sono realizzati secondo i dettami del codice stradale».

Sebbene frastornati di fronte ad una simile notizia, è impossibile non pensare alla pessima piega che può prendere tutta la faccenda: opere sostanzialmente inutili, quindi denaro dei contribuenti gettato al vento!!!

Se le cose stanno così, chi ha preso questo grosso scivolone?

Umberto Giuntoli, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400