Cerca

Giovedì 14 Dicembre 2017 | 05:32

Alluvioni in diversi centri

Temporali e grandine
flagellano il Barese

Strade "innevate", Coldiretti preoccupata per i danni nella campagne

Violenti temporali hanno interessato la Puglia dove, in provincia di Bari, soprattutto a nord con epicentro a Corato, si è verificata una violenta grandinata. Improvvisi scrosci d’acqua a sud di Bari, tra Conversano, Turi, Rutigliano, Casamassima e sul resto della Puglia, da Taranto a Foggia. Nella zona compresa fra Giovinazzo, Bitonto e Molfetta, la grandinata ha creato disagi alla viabilità fuori dai centri abitati, soprattutto lungo le strade extraurbane, di campagna e di collegamento fra questi centri. Ritardi si registrano anche lungo la linea ferroviaria a causa del maltempo.
La Coldiretti Puglia in una nota esprime 'preoccupazionè per i danni che l’ondata di maltempo sta provocando nelle campagne, soprattutto per le ciliegie, ma anche per i vigneti scoperti e per gli ortaggi in piena aria.
«Non c'è tregua quest’anno per le ciliegie - dice il presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele - a causa del clima impazzito che ha rovinato prima le varietà precoci e ora sta 'spaccandò la ciliegia Ferrovia. Si tratta di eventi calamitosi di eccezionale gravità che necessitano di risposte concrete quanto tempestive. E proprio in questi momenti di emergenza è fondamentale riconoscere agli imprenditori agricoli un ruolo incisivo nella gestione del territorio, dell’ambiente e delle aree rurali, perché grazie alla cura che hanno del territorio i fenomeni metereologici di tale gravità non hanno effetti ancor più drammatici a carico della collettività». Preoccupazione per i danni sugli ortaggi anche nelle province di Brindisi e Foggia.
«I continui sbalzi termici - denuncia il direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti - non giovano certamente al settore agricolo. Gli imprenditori si trovano ad affrontare fenomeni controversi, dove in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a caldo fuori stagione. Ormai è statisticamente provata una anticipazione della maturazione di circa 20 giorni, azzerata in un momento a causa di una improvvisa grandinata o di un calo repentino delle temperature». D’altro canto il clima impazzito, ormai una costante in Puglia, determina - secondo Coldiretti - «la maturazione precoce dei prodotti agricoli e la conseguente caduta libera dei prezzi in campagna. Mandorli e peschi in fiore a febbraio. Mimose già pronte a gennaio. Maturazione contemporanea degli ortaggi in autunno. Il caldo anomalo e le precipitazioni violente rischiano ormai ogni anno di incrinare l’andamento del settore agricolo pugliese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione