Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 20:30

Vasta l'area interessata

Bari, inferno per tre incendi
rogo a Lama Balice e in vivaio

Il primo rogo nel Parco «appiccato in tre punti diversi», secondo una prima ricostruzione dei Vigili del fuoco. Si suppone, dunque, un'origine dolosa

Tre incendi hanno impegnato da questa mattina i vigli del fuoco e, per uno di essi, si è reso necessario l'intervento dei mezzi antincendio della Protezione civile.

Il primo rogo è divampato questa mattina nel Parco di Lama Balice, «appiccato in tre punti diversi», secondo una prima ricostruzione (da confermare) fatta dai Vigili del fuoco. Si suppone, dunque, che abbia un'origine dolosa. L'area interessata è stata molto vasta, anche a causa del vento che ha favorito l'avanzare delle fiamme. Sei squadre dei vigili del fuoco, con l'ausilio di un elicottero e di Canadair, sono intervenute nella vasta area a ridosso dell’aeroporto che non ha subito alcun problema. Le fiamme stanno distruggendo un’area molto ampia di vegetazione. Ancora da accertare le cause rogo.

I focolai sono stati tutti spenti nel pomerioggio e "la Polizia Municipale è a lavoro per individuare le cause dell’incendio ed eventuali responsabilità», precisa una nota del Comune. Nel pomeriggio il sindaco del capoluogo pugliese, Antonio Decaro, ha chiamato personalmente il comandante dei Vigili del fuoco della sezione di Bari per ringraziare tutti gli uomini e le donne del Corpo, impegnati nelle operazioni di spegnimento e contenimento dell’incendio.

«Ancora una volta abbiamo avuto la dimostrazione che la squadra dei soccorsi e delle forze dell’ordine del nostro territorio rappresentano una certezza in situazioni di emergenza come questa - spiega il sindaco -. L’incendio durato diverse ore a causa del vento non ha creato vittime né ha interessato zone della città abitate. Nelle prossime ore procederemo con la stima dei danni sul patrimonio naturalistico di Lama Balice che purtroppo è stato colpito dalle fiamme».

Nel pomeriggio, altri due incendi hanno richiesto l'intervento di altre squadre di pompieri: il primo è divampato in un'area a ridotto dell'ipermercato di Santa Caterina, causato per lo più da sterpaglie; mentre l'altro, di proporzioni più vaste, è scoppiato nel vivaio Lavermicocca, alla periferia della città, nei pressi dello stabilimento della Birra Peroni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione