Venerdì 22 Giugno 2018 | 15:12

La vicenda

Bari, il Palagiustizia più irregolare d'Italia: a rischio crollo. Procuratore: andiamo via

Dopo la circolare, oggi il Procuratore ha incontrato personale e sindacati. Una vicenda che si trascina da 15 anni ora giunta al capolinea. E si pensa allo spezzatino

Ascensori fuori servizi, infiltrazioni, e una relazione di 600 pagine dal proprietario (l'Inil che perlator ha ingiunto lo sfratto per morosità) che fotografa una situazione tutt’altro che lusinghiera dell’edificio che ospita il Palazzo di giustizia di via Nazariantz: tra intonaci che si staccano, problemi con la fognatura, persino topi nei corridoi e pioggia che cade all’interno dell’edificio, solo per dirne qualcuna e per concludere le criticità da un punto di vista statico. Alcuni parametri, con particolare riferimento a fondamenta e solai, sarebbero al di sotto dei limiti previsti dalla legge, anche se, va detto, in nessun punto dell’elaborato, si parlerebbe di «rischio crollo».

Il procuratore, Giuseppe Volpe, che ieri ha diffuso una circolare mettendo in fibrillazione addetti ai lavori e non, oggi ha tenuto un incontro aperto. «Al 90 per cento chiudiamo e andiamo». In particolare, ha spiegato Volpe, «la platea di fondazione del palazzo non è solida e poggia su terreno limoso e argilloso», "il calcestruzzo di pilastri, solai e muri è di pessima qualità e non risponde neanche ai parametri minimi antisismici». Il procuratore ha evidenziato che i tecnici sottolineano come "l'insicurezza sussista anche in assenza di scosse sismiche» e che «gli interventi di consolidamento eseguiti dall’Inail nel 2012 sono stati inutili». Entro domani il responsabile della sicurezza della Procura e i tecnici comunali comunicheranno i provvedimenti da adottare con immediatezza e già domani, quindi, potrebbe essere ordinato lo sgombero dell’edificio.

Sono già allo studio soluzioni per il trasferimento, inevitabilmente frammentato, degli uffici. Procura e ufficio del gip/gup andrebbero in un edificio di proprietà dell’Inail in via Brigata Bari, il dibattimento nella sede di Piazza de Nicola, dove ha sede il Tribunale Civile, la Corte di Assise e la Corte di Appello o nell’ex sede distaccata del Tribunale di Modugno. Altre possibilità potrebbero essere il palazzo ex Inpdap in via Oberdan, l’ex sede de La Gazzetta del Mezzogiorno vicino al Policlinico o gli ex uffici delle Ferrovie dello Stato in Corso Italia. Verrebbero subito trasferite, senza soluzione di continuità, le udienze con detenuti e i procedimenti con misure in scadenza. Tutti gli altri saranno rinviati a data da definirsi e i dipendenti saranno legittimati a non lavorare fino all’individuazione di una sede che li ospiti

La giustizia penale potrebbe essere spezzettata tra il palazzo in piazza De Nicola per le udienze penali urgenti, le ex sedi distaccate di Modugno e Bitonto per le quali però è necessario attendere un decreto interministeriali di un governo che ancora non c’è, un altro edificio dell’Inail in via Brigata Regina che ospitava la Conservatoria dei registri immobiliari e nella quale c’è già stato un sopralluogo e l’ex Circolo ufficiali in via Cairoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Nuova tempesta sul Comune di Parabita: sindaco (ri)destituito

Nuova tempesta sul Comune di Parabita: sindaco (ri)destituito

 
goletta verde Legambiente

Mare illegale, la Puglia seconda in Italia

 
Carlo Bernardini in una intervista su Youtube

Ci lascia Carlo Bernardini, decano dei fisici italiani

 
Mimmo Di Luzio

Scomparso a Foggia, preoccupati i familiari: «Mimmo, ci basta una sola telefonata»

 
Addio a Leonardo Sacco giornalista e scrittore con Matera nel cuore

Addio a Leonardo Sacco giornalista e scrittore con Matera nel cuore

 
litoranea sud Gallipoli

Gallipoli, apre la litoranea: «Ecco la strada dei lidi»

 
sigilli al lido Arca di Noè

Brindisi, sigilli al lido Arca di Noè contestati abusi edilizi

 

MEDIAGALLERY

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Economia TV
Beauty: settore in crescita, fatturato per 11 mld euro

Beauty: settore in crescita, fatturato per 11 mld euro

 
Italia TV
"Mi sparavano e ridevano"

"Mi sparavano e ridevano"

 
Mondo TV
La premier neozelandese diventa mamma

La premier neozelandese diventa mamma

 
Meteo TV
Previsioni meteo per venerdi', 22 giugno 2018

Previsioni meteo per venerdi', 22 giugno 2018

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero

 
Spettacolo TV
Una vita spericolata, diventare criminali per caso

Una vita spericolata, diventare criminali per caso