Sabato 21 Luglio 2018 | 23:28

E' ai domiciliari

Francavilla, incendia negozio
di mobili: arrestato 45enne

Il piromane ha chiamato lui stesso i soccorsi: è stato fermato dai carabinieri

Ha dato fuoco agli arredi da giardino che si trovavano nel piazzale esterno di «Casa d’Oro», nella zona industriale di Francavilla Fontana, e ha danneggiato il prospetto dell’impresa di arredamenti. Successivamente ha chiamato i soccorsi ed è stato arrestato dai carabinieri. Si tratta del 38enne francavillese Gianlorenzo Diserio, che dopo il primo gesto avrebbe anche minacciato il suicidio, sempre col fuoco. È stato lo stesso 38enne ad avvisare vigili del fuoco e forze dell’ordine, dopo essersi accorto di essere stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza poste all’esterno dell’immobile.

I carabinieri della stazione e del Nucleo operativo e radiomobile in forza alla compagnia della Città degli Imperiali, una volta giunti sul posto, hanno appurato come tra le intenzioni dell’uomo vi fosse anche quella d’incendiare un autocarro con le insegne “Casa d’Oro” che era parcheggiato entro il perimetro di pertinenza della stessa azienda: aveva, infatti, infilato un intreccio di erba secca nel serbatoio del mezzo. Un’operazione, quest’ultima, che però, a differenza dell’altra, non gli è riuscita.
Stando alle ricostruzioni degli investigatori, corroborate dai filmati dell’impianto a circuito chiuso, il 38enne ha scavalcato il muretto di recinzione, si è diretto verso gli articoli da esterno (in tela e plastica) esposti nel piazzale di “Casa d’Oro” e ha quindi appiccato il fuoco.

Le fiamme hanno avvolto non solo gli arredi, ma anche la vetrata del fabbricato che è andata letteralmente in frantumi. I danni ammontano a circa 30mila euro, ma avrebbero potuto essere anche più ingenti qualora non fossero tempestivamente intervenuti i vigili del fuoco del locale distaccamento, dopo la chiamata di soccorso partita dal cellulare dello stesso autore dell’incendio. Nel corso dei successivi accertamenti da parte delle forze dell’ordine, è emerso che il 17 novembre 2014 un altro incendio aveva interessato un immobile, sempre nella zona industriale, concesso in comodato d’uso dal 38enne proprio ai titolari di “Casa d’Oro.” Una circostanza anche questa sulla quale si cercherà di fare chiarezza. Intanto, il pubblico ministero ha disposto che l’incendiario, dopo le formalità di rito in caserma, fosse sottoposto agli arresti domiciliari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Brindisi, assalto a bancomat:bandito ucciso dalla Polizia

Brindisi, assalto al bancomat: bandito ucciso in sparatoria con Polizia Foto

 
La «veggente» Sveva rinviata a giudizio

La «veggente» Sveva
rinviata a giudizio

 
Brindisi, truffa da 4 milioni di euro: rinviata a giudizio l'ex veggente

Brindisi, truffa da 4 milioni di euro: rinviata a giudizio l'ex veggente

 
Paga il parcheggio usando l’app ma la Multiservizi lo multa

Paga il parcheggio usando l’app
ma la Multiservizi lo multa

 
Allarme alga tossica, il sindaco vieta la balneazione in alcune zone

Fasano, allarme alga tossica
il sindaco vieta la balneazione 

 
Brindisi, in mare dilaga l'alga tossica: sconsigliata balneazione

Brindisi, in mare dilaga l'alga tossica: sconsigliata balneazione

 
Brindisi, omicidio Di Coste, il pm chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

Brindisi, omicidio Di Coste, il pm
chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

 
Erano finiti sotto processo per aver trasmesso una partita

Erano finiti sotto processo
per aver trasmesso una partita

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS