Cerca

Martedì 20 Febbraio 2018 | 14:55

L'inaugurazione

Bari, nell'ospedale San Paolo
un bar «legale» dopo 30 anni

Aperto il punto ristoro (gestito da Ladisa) nella struttura sanitaria. Stop agli abusivi, Il dg Montanaro: fatto epocale. Il direttore sanitario: dignità per dipendenti

Stop agli abusivi all'ospedale San Paolo. Ci sono voluti 30 anni e gli ultimi tre anni di procedure amministrative per aprire il primo Bar-Punto ristoro nella struttura sanitaria nel popoloso quartiere di Bari. A tagliare il nastro sono stati il direttore generale dell'Asl, Vito Montanaro, e il direttore sanitario del San Paolo, Angela Leaci, che hanno definito una «svolta epocale» l'apertura del punto ristoro soprattutto perchè restituisce dignità agli operatori e agli utenti di un ospedale (aperto dal 1985 come pronto soccorso e divenuto operativo per i ricoveri a partire dal 1997) costretti a portarsi roba da casa o rifornirsi addirittura presso abusivi in giro per i piani del plesso sanitario.

L'apertura del bar - sarà operativo tutti i giorni, festivi compresi, dalle 7 alle 20 - è frutto di una gara che ha visto l'Asl bandire una procedura ad evidenza pubblica per la concessione quinquennale dei punti ristoro di tutti i presidi sanitari della più grande azienda sanitaria del Mezzogiorno. A gestire il bar del San Paolo sarà Ladisa srl, colosso della ristorazione - presenti all'inaugurazione i fratelli-manager Sebastiano e Vito -, che si è aggiudicato il bando per due punti (l'altro è stato inaugurato nella sede della Direzione generale nell'ex Cto).

Sempre Ladisa srl, che attualmente si occupa del servizio di ristorazione sanitaria ai degenti, sta realizzando lavori di ristrutturazione di alcuni locali che saranno destinati alla mensa di servizio dei dipendenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione