Lunedì 20 Agosto 2018 | 19:01

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Una visita gratis... ti può salvare la vista

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Partirà lunedì 29 gennaio - in tutta Italia - il mese della prevenzione e diagnosi delle maculopatie.

La campagna è patrocinata del Ministero della Salute, dalla SOI e promossa da Centro Ambrosiano Oftalmico (dr Lucio Buratto) e l’Ospedale San Raffaele (prof. Francesco Bandello).

La maculopatia è malattia che colpisce la retina, nella parte più importante per la visione cioè quella centrale, chiamata macula, la quale consente visione distinta, lettura dei caratteri più piccoli, percezione dei colori.

 Questa regione viene colpita dai processi di invecchiamento, di degenerazione maculare che generalmente ha andamento progressivo.

La degenerazione maculare, che di solito compare dai 60 anni di età in poi, è causa più frequente di cecità legale nel mondo occidentale. In Italia ne sono affetti 1 milione, con più di 80.000 nuovi casi l’anno.

Purtroppo gran parte delle volte si giunge alla diagnosi a strutture anatomiche e funzionali compromesse.

 La rapida tempistica nella diagnosi e nella somministrazione della terapia sono fondamentali in questa patologia.

Per usufruire dello screening gratuito, prenotare la visita sul sito www.maculopatie.com  scegliendo la struttura più vicina.

 In Puglia: Clinica oculistica policlinico (dr. prof. Giovanni Alessio), Ospedale Di Venere Bari (dir. dr. Antonio Acquaviva), Ospedale Tricase (dr Romolo Fedeli), Ospedale Taranto (dr Giuseppe Addabbo).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400