Martedì 14 Agosto 2018 | 08:30

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Metti protesi all'orecchio, ti guida l'app

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Compra, prendi e metti la protesi all’orecchio e poi, fa tu. Ma – rileva un’ampia indagine - una volta tornata a casa con la propria soluzione acustica, la persona si sente “sola” e smarrita. Un aiuto è stato escogitato da Amplifon per esserle vicino in ogni momento del percorso di prova. È nata così l’App Amplifon, presentata ai medici in anteprima, in occasione del Congresso Nazionale di otorinolaringoiatria svoltosi a Napoli sotto la presidenza del prof. Ettore Cassandro.

Si tratta di un’applicazione che rivoluzionerà il mercato: sarà la prima al mondo a potersi connettere con apparecchi acustici di marchi diversi.

Si collegherà, in particolare, ad apparecchi selezionati per l’alto profilo tecnologico che, per la prima volta, a seguito di accordi esclusivi con le case produttrici, riporteranno anch’essi il marchio Amplifon, per essere sempre più unici e riconoscibili.

L’App metterà a disposizione servizi indispensabili per l’utente, come la gestione dei programmi (ristorante, TV, outdoor, musica, ecc.) e la regolazione volume, la riduzione del rumore ambientale e la prenotazione diretta di appuntamenti con la filiale di riferimento.

L’App offrirà alla persona anche il servizio “Companion”, una vera e propria intelligenza artificiale in grado di analizzare i dati di utilizzo della soluzione acustica e fornire suggerimenti per ottimizzarne le prestazioni. Il Companion sarà disponibile per tutta la vita dell’apparecchio acustico, ma si rivelerà cruciale soprattutto nei primi 100 giorni dalla scelta della soluzione. il sistema, se per esempio, rilevasse uno scarso utilizzo della soluzione, consiglierebbe all’utente di indossare gli apparecchi per più ore al giorno, così da poterne percepire il reale beneficio. Un fedele compagno di viaggio per riconquistare un udito ottimale.

L’App sarà quindi in grado di raccogliere in un unico database tutti i dati rilevati dai singoli, che potranno essere impiegati per future ricerche, nonché per migliorare sempre di più nel counseling e nel supporto al cliente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400