Martedì 14 Agosto 2018 | 10:32

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Tumore ovarico: killer crudele e silenzioso

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

È tale perché – dice il prof. Gennaro Cormio, ginecologo ospedale consorziale policlinico, Bari - si manifesta solo quando la malattia è avanzata e, quindi, 7 su 10 diagnosi giungono in questa fase. Età media di insorgenza: 50 anni, ma, nel 10%, in under 40 anni.

Il tumore colpisce quasi una donna al giorno in Puglia (più di 14 In Italia; 410 nel mondo) con una sopravvivenza del 39,5%, a 5 anni dalla diagnosi.

La sintomatologia è molto sfumata e aspecifica.

Campanelli d’allarme sono: distensione, fastidio o dolore addominale, che possono emergere con la difficoltà ad abbottonarsi la gonna o i pantaloni, disturbi di tipo intestinale con alternanza di dispepsia, stipsi, fastidi vescicali.

La terapia si avvale di chirurgia e chemioterapia (carboplatino e taxolo più farmaci che impediscano la neoformazione di vasi sanguigni) in sinergia che, purtroppo, sono risolutive solo in pochissimi casi. Un intervento chirurgico (asportazione radicale), eseguito nelle fasi iniziali, può portare a guarigione.

Nelle più giovani – dice Cormio - la strategia può prevedere un trattamento che preserva la fertilità e consente alla paziente la ricerca di una gravidanza (si registra nel 50% dei casi).

In occasione della Giornata mondiale dedicata alla malattia – dice Adele Leone, presidente Alleanza contro il tumore ovarico (ACTO Onlus) – il 4 maggio, a Bari (Teatro Abeliano ore 21), sarà presentato un recital musicale (“Nel paese delle meraviglie”) interpretato dall’autrice stessa, Melania Giglio. Il ricavato sarà destinato all’acquisto di servizi e strumenti a favore della pazienti pugliesi.

Per informazioni e prenotazioni: actoonlus.ba@gmail.com Tel. 3408504587

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400