Lunedì 20 Agosto 2018 | 12:58

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

L'handicap con gli occhi della fede

DiversaMente

Michele Pacciano

Michele Pacciano

L'handicap è un dramma. Ma può anche diventare uno stimolo e una possibilità, uno sguardo diverso sul mondo. Proviamo ad andare oltre la rabbia e il piagnisteo. Capovolgiamo la prospettiva, guardiamo i problemi dall'interno, cerchiamo insieme le soluzioni.

L'handicap con gli occhi della fede

Che rapporto c'è tra fede e disabilità?
Che ruolo gioca la spiritualità nella vita delle persone con handicap?
Rischia di essere una domanda retorica, relegata nella sfera intima e privata di ognuno.

Proviamo a  superare i luoghi comuni della religiosità naturale e a capovolgere la prospettiva.
Quando ho affrontato la mia disabilità neuromotoria, dopo averla fuggita per anni, rifugiandomi in una presunta e a tratti millantata, superiorità intellettuale, ho rischiato di impazzire e mi sono trovato di fronte a un bivio: siamo solo chimica? Dio è un mostro? Non c'è nulla da fare, o esiste un orizzonte dello spirito, cui potersi affidare?
Non ho trovato risposte. Ho cominciato a indagare e a  camminare nella foresta dei dubbi. Poi ho ascoltato la parabola del cieco nato, che mi ha cambiato la vita.
<<Signore, perché lui è così?, Chi ha peccato, lui o i suoi genitori?>>
La risposta di Gesù è spiazzante come sempre:<<Nessuno ha peccato, né lui né i suoi genitori. Lui è così, perché attraverso la sua vita, si manifesti la gloria di Dio>>. 

Ho una tetraparesi e guardo il mondo dall'alto di una carrozzina. Certo non è facile, Anzi, a volte, sono proprio cavoli amari; scusate il francesismo! Ma il tutto può essere anche esaltante. Senza le difficoltà che ho, non sarei diventato ciò che sono. Non conosco una vita diversa da questa. Senza la mia paralisi cerebrale infantile probabilmente sarei un cretino come tanti  altri. La visione escatologica dell’handicap mi hai insegnato il gusto della fatica di ogni giorno, il piacere quotidiano di costruire un pensiero positivo, l'idea di usare il tempo per pensare e approfondire, costruire pccoli obiettivi che accrescono la tua autostima il sapere che Dio ti ama,il ritrovare ogni mattina, l'essenzialità del vivere nel superamento degli ostacoli che incontro ogni minuto  e  nella continua riappropriazione delle piccole, grandi  cose.

Da credente, lo dico in un’accezione eminentemente laica.

Non ho bisogno di attraversare un ponte tibetano o di avere le scarpe firmate, o il Rolex per poter dare un senso alla mia giornata, amo le macchine, ma guido una carrozzina elettrica e non mi struggo per non avere una Ferrari o una Porsche. Non è pauperismo, la vita mi piace godermela, mangiare e amare.

È vero, vivere pienamente una dimensione sessuale e sentimentale, con handicap, è difficile. Ma ci ha mai sfiorato l'idea, che al di là  e proprio  a causa delle difficoltà, le persone con disabilità possano forse trovare il vero amore, che è progetto, corresponsione e comunione tra due persone?

Anche l’handicap può diventare una teofania, una manifestazione testimonianza dell'amore di Dio nella dimensione in cui lo si viva come necessità di ritrovarsi nelle essenzialità di ciò che si è e non necessariamente in ciò  che si fa o che si ha. La disabilità ti insegna anche che hai sempre e comunque bisogno di aiuto, che non puoi e non sei mai solo, che devi rinunciare al tuo orgoglio e ad inseguire quella che i greci chiamavano yubris,  cioè quella tracotanza dell’ego che allontana l'uomo da sé stesso.

Non è filosofia d’accatto, magari solo il frutto di un percorso, che ti porta alla ritrazione, a guardare la luce nelle fughe, nelle crepe e nelle pieghe del mondo

Laureato in giurisprudenza, piccolo peccato di gioventù, sono un giornalista professionista, lo dico per ultimo perché questo non è un traguardo, ma un eterno punto di partenza, condito di quotidiana curiosità e adrenalina,  che ti fa osservare il dentro e l’oltre che c’è in ogni cosa è in ogni uomo.

Anche Le religioni e la Chiesa, sono i  cammino. Come tutti noi, con disfunzioni ed errori. Ma negli anni, tra le tante cadute, ho maturato una certezza: Se abbracciata con amore, la Croce, è l'inizio della risurrezione. Qui sulla terra, dove possiamo riportare un pezzo di cielo.

Non sono un asceta, non sono un masochista. Non ho più coraggio degli altri. Magari lo hanno avuto i miei genitori, nel darmi un surplus d’amore.

Sono solo un uomo, che ama la vita.

Non ho consigli da dare, forse solo una mano da tendere.

Questa è solo la mia esperienza non voglio convertire nessuno. Non ne avrei, né i mezzi né la forza.
Se vi va raccontatemi, la vostra esperienza,, di disabilità e di vita.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400